Montecrestese, domenica 16 settembre la 4a edizione di 'Teatri di Pietra'

MONTECRESTESE -

Quando antiche frazioni di origine medievale sposano un festival d’arte itinerante dove spettacoli dal vivo si alternano a fotografia, musica e danza, anche l’architettura prende vita. A Montecrestese le case di pietra guardano da secoli i viaggiatori del Gran Tour, i pellegrini, gli agricoltori, percorrere le proprie strade, salire le mulattiere, con i carretti, i muli, immergere i panni nelle acque fresche dei lavatoi, in una natura che tutto avvolge coi suoi ritmi e i suoi boschi. In questo luogo cristallizzato nel tempo, nel mese delle foglie che si colorano e in cui il paese si avvia alla raccolta dell’uva, si svolgerà il festival Teatri di Pietra.

Si parcheggia l’auto nella piazza di Frazione Chiesa. Di qui un percorso allestito di circa un chilometro si snoda tra le frazioni dove sarà possibile, ad orari diversi, assistere agli spettacoli. L’Associazione Canova e il comune di Montecrestese, quest’anno accoglieranno clarinetto, violino, fisarmonica e contrabbasso per un viaggio nella agitata e coinvolgente musica ebraica, con i Cidnewsky; con una piroetta ci porteranno ai L’una circo e di qui all’arzigogolata fisica dei marchingegni del Dottor Stock. Sarà fantastico precipitare nella poesia del duo che si è esibito in tutto il mondo, lavorando con il Cirque du Soleil a Las Vegas, con Le Plus Grand Cabaret du Monde: gli Strange Comedy regalano 60 minuti di sorprese e acrobazie non-stop, di risate ed emozioni in uno spettacolo davvero folgorante. Assaggiando i prodotti realizzati dalle sapienti mani dei casari, i frutti della terra, sarà rilassante ascoltare la musica di tradizione orale in formato cangiante dei Cantarei. Ma naturalmente l’iniziativa è molto, molto altro. Solo che per ascoltare le pietre delle case, dei muri a secco, per vederle, toccarle e sentire la forza dei secoli, quella che attira ogni anno visitatori e studenti da ogni parte del mondo per caratteristiche architettoniche e per bellezza, bisogna esserci...

L’evento è organizzato da Associazione Canova con la collaborazione ed il sostegno del comune di Montecrestese. Inoltre la manifestazione è sostenuta dalla Compagnia di San Paolo e dalla Fondazione CRT. Con il contributo di: Associazione Musei dell’Ossola e Tavolo di Valorizzazione Territoriale Terre di Pietra e di Passo.

 

Il programma - domenica 16 settembre

Il percorso inizia da frazione Chiesa.

Per raggiungere l’area degli spettacoli si percorre una breve passeggiata

dove sarà allestito un percorso artistico a cura di Fera Teatro con la partecipazione della comunità locale.

ORE 11.00 Inizio festival Progetto qualcosa in comune

ORE 14 Dottor Stock

ORE 15 Silence Teatro, L’Una Circo, Cantarei, Fera Teatro, Letture animate, Cidnewsky Kapelye

ORE 16.00 Bubble Street Circus

ORE 17.00 Silence Teatro, L’Una circo, Cantarei, Fera Teatro, Letture animate, Cidnewsky Kapelye

ORE 18.00 Strange Comedy

DRINK AND FOOD a cura di Agriturismo AZ – Montecrestese,

Sali e pistacchi, Domodossola, Wood*ing – Milano

Vendita di prodotti ortofrutticoli locali

Birra del birrificio Balabiott

Due note su chi sono i protagonisti della IV edizione

Dalla musica klezmer ai giochi circensi, fino agli oggetti che prendono vita in scena

DOTTOR STOK / Sperimentazioni analogiche di fisica di strada. Di e Con: Giulio Ottaviani

BUBBLE STREET CIRkUS / Complicità con gli spettatori, virtuosismo tecnico nella giocoleria e

nell’equilibrismo Di e Con: Juriy Longhi

STRANGE COMEDY / Shelly Mia Kastner e Jason McPherson ritraggono due sfortunati artisti di varietà

catturati in un mondo in cui i loro oggetti scenici hanno preso vita da soli.

SILENCE TEATRO / Una ricerca attraverso forme di espressione che creano un connubio tra teatro e

ambiente

L’UNA CIRCO / Laboratori di arti circensi; giocoleria, equilibrismi, clownerie e acrobazie.

CANTAREI / Musica polifonica di tradizione orale: canti del lavoro, d’amore, di protesta, di guerra, di

migrazione, di libertà.

CIDNEWSKI KAPELYE - KLEZMER MUSIC /Un viaggio musicale ideale che segue la rotta

dell’emigrazione ebraica, dagli shtetl dell’Europa centro-orientale verso gli Stati Uniti d’America, dove la

musica klezmer è rinata.

FERA TEATRO / “Idea” Stoffe colorate e semplici oggetti prendono vita, narrano storie, diventano immagini

e personaggi, ma un istante dopo si trasformano in altro per poi scomparire. Di e Con Paola Giavina e Sara

Tadina PROGETTO QUALCOSA IN COMUNE Sassi spiriti bastoni, sassi alberi e pozioni Spettacolo con

i bambini, la banda e la bandella di Montecrestese e la collaborazione dell’associazione

Antico Forno - a cura di Anna Fascendini, Scarlattine teatro e Sara Tadina.

Allestimenti di percorsi a cura di Paola Giavina – Fera Teatro.

PARCHEGGI E LOGISTICA

Area parcheggio in frazione di Chiesa di Montecrestese (chiusa la strada carrabile nel tratto Lomese-Croppomarcio). L’area del festival sarà raggiungibile a piedi con una passeggiata tra boschi e antiche frazioni (15 minuti circa) Sarà a disposizione un servizio navetta, con partenza di fronte al municipio di Montecrestese per accompagnare all’area del festival le persone con difficoltà motorie.

Ricerca in corso...