Omegna, la denuncia di una 21enne ossolana: "Si rifiutano di affittarmi casa perché sono disabile"

omegna -

E’ una storia di discriminazione quella che arriva da Omegna. Protagonista e vittima Sabrina Vittoni, 21 anni, di Villadossola e da qualche giorno con un nuovo lavoro nel capoluogo del Cusio. Proprio per questo Sabrina aveva deciso di cercare una casa in affitto. Scelta fatta, caparra all’agenzia pagata ma poi, qualche giorno dopo, l’incredibile dietrofront dei proprietari. “Non vogliamo affittare la casa a persone disabili” le parole dette all’agente immobiliare. “Non mi hanno voluto né parlare al telefono né incontrare: hanno deciso - spiega Sabrina - di non voler firmare il contratto nonostante fossero stati informati della mia disabilità dall’inizio: da quel che ho capito, temevano che per colpa della mia disabilità potessi fare delle modifiche all’appartamento. Io dico: se vedo la casa e decido di affittarla, pago l'agenzia e la caparra,  ho un contratto di lavoro a tempo indeterminato, preciso che per me la casa andava bene cosi com'era ed ero disposta a mettere per iscritto nel contratto la cosa, com'è possibile che i proprietari si rifiutino all'ultimo di affittarmi la casa solo per la mia disabilità? Com'è possibile che esista ancora gente con una mentalità cosi chiusa, ridotta? Mi sono sentita crollare il mondo addosso, sono rimasta basita e sconcertata. Per fortuna, dopo il mio sfogo su Facebook ho ricevuto centinaia di messaggi di solidarietà e vicinanza che mi hanno ridato forza e coraggio" conclude Sabrina

Daniele Piovera
Ricerca in corso...