Un anno di grande impegno per gli Amici della montagna

toceno -

E' stato un anno di superlavoro per i volontari dell'Associazione Amici della Montagna e del Cortaccio - Valle Vigezzo. "Durante l'anno - spiega il presidente Ezio Ferraris (nella foto) - una ventina di volontari hanno eseguito la manutenzione della sentieristica come da programma annuale in tutta la zona nord della Valle Vigezzo, nei Comuni di Santa Maria Maggiore, Druogno, Toceno e Craveggia per un totale di oltre 100 chilometri di sentieri; lavori eseguiti in convenzione con l'Unione Montana della Valle Vigezzo e con la collaborazione dei volontari del Soccorso alpino vigezzino e dei Cacciatori di Soglio. Inoltre è stata effettuata la pulizia della pista ciclabile, dal campo sportivo di Druogno al ponte di Mugnai, in Comune di Villette: i lavori sono stati eseguiti in collaborazione con il soccorso alpino e il gruppo Alpini di Toceno, sempre in convenzione con l'Unione montana". Ma tanti altri sono stati i lavori portati a termine dal gruppo. "Al di fuori del nostro programma annuale abbiamo effettuato - spiega ancora Ferraris - la pulizia del sentiero 'Alpe Pidella-Alpe Marco-La Vasca' in Comune di Craveggia, del sentiero che va dall'Alpe Pluni al Piano delle Streghe, in Comune di Cursolo Orasso e la pulizia del percorso della corsa in montagna 'Trofeo Bonzani Graziano' dall'Alpe Colma di Craveggia a Craveggia". Di rilievo pure la realizzazione e posa della scultura dello "Spallone" alla Bocchetta di Moino, in territorio comunale di Toceno, "opera - dice Ferraris - degli scultori Aurelio Montanari e Davide Allesina e inaugurata il 20 agosto alla presenza di molti partecipanti con la giornata organizzata in collaborazione con l'Associazione Sentieri degli Spalloni e il museo degli Spalloni di Masera:. I lavori hanno visto complessivamente un nell'anno un impegno di venti giornate con 800 ore lavorative". Ma gli Amici come succede ogni anno anche quest'anno hanno collaborato al Premio Letterario Internazionale "Salviamo la Montagna" premiando un personaggio che si è particolarmente distinto nella difesa dei valori della montagna: "Quest'anno il premio è andato all'ex presidente del Cai Vigezzo, Stefano Cattaneo" evidenzia Ferraris. Che aggiunge: "Un'altra bella serata è stata quella della cena annuale svoltasi al ristorante La Jazza di Santa Maria Maggiore che ha richiamato numerosi partecipanti, tra cui un gruppo di componenti dell'Associazione Amici di Comologno, in Svizzera e dell'Associazione Sentieri degli Spalloni con la serata che è stata rallegrata dal nostro gruppo di canto spontaneo e dai fisarmonicisti Danilo, Claudio, Daniele, Norman, Federico e Giole". Il Gruppo di Canto Spontaneo ha, fra l'altro, partecipatao ad altre numerose manifestazioni, riscuotendo parecchio consenso di pubblico.  Infine il presidente passa ai ringraziamenti: "Un grazie sincero va a tutti i volontari per il loro impegno e a tutti i collaboratori: Soccorso Alpino Valle Vigezzo, Gruppo Alpini Toceno, Cacciatori di Soglio, Amici dell'Alpe Pluni. Un grazie di cuore a Don Paolo Montagnini, agli scultori Aurelio e Davide e all'Unione Montana della Valle Vigezzo, nonchè a tutti i componenti del Gruppo di Canto Spontaneo e Fisarmonicisti e a tutti i tesserati che con il  loro contributo ci sostengono per poter realizzare i nostro programmi di lavoro e le manifestazionei oltre che per poter mantenere i nostri sentieri ben fruibili. Un grazie, più in generale, a tutti i frequentatori delle nostre montagne. Infine vogliamo ringraziare per le oblazioni ricevute: Rinaldo Rolandi euro 10; Maurizio Novelli euro 10; Pippo Gianoni euro 40; Paolo Giovanola euro 20; Paolo Terruggia euro 50; Bruno Maffini euro 60; Walter Besana euro 40; Museo dello Spallone di Masera euro 200; Gian Carlo Bigio in ricordo della moglie Domenica euro 50".

Marco De Ambrosis
Ricerca in corso...