Villa, piange Primo Sommacal, tra i fondatori de La Scintilla

villadossola -

Si è spento ieri, all’età di 66 anni, Primo Sommacal, poeta ed uno dei fondatori, insieme a Giorgio Quaglia, del circolo culturale pasoliniano ossolano, La scintilla. L’uomo, molto conosciuto per i suoi trascorsi di poeta, aveva pubblicato la sua ultima silloge, in e-book per i tipi di Mnamon, pochi anni fa, dal titolo “Poesie tornate - e nate - dall’Inferno”. Un volume, come scrive il critico Giuseppe Possa, che corona “un desiderio portatosi dentro per molti anni, mentre la vita gli stava riservando (a volte con vicende non del tutto legate all’avversa casualità) periodi di dolore, solitudine e sofferenze anche fisiche, peraltro ancora presenti. Anche il titolo del volumetto “ Poesie tornate – e nate – dall’inferno” sono una conferma di questo “calvario” esistenziale che, insieme alle ‘normali’ scelte famigliari compiute dopo la prima gioventù, ha allontanato Primo dalla pratica dei versi limitando e bloccando così lo sviluppo di una ‘vena’ che avrebbe potuto forse produrre risultati ancor più significativi degli attuali, pur completati da qualche più recente tentativo di ripresa”.

La salma è nella camera funeraria Ofor mentre la cerimonia di saluto laica è prevista per domani alle 16, al termine della quale il feretro proseguirà verso il crematorio.

Luca Ciurleo
Ricerca in corso...