Vuoto e ghiaccio

Il Gruppo Grotte CAI Novara (GGN),nell’ambito delle iniziative promosse per festeggiare il quarantesimo anniversario dalla sua fondazione, ha organizzato l’importante convegno: “Vuoto e ghiaccio”.

Una due giorni suddivisa con una parte teorica, svolta ad Agognate presso il monastero della Fraternità Domenicana, ed una parte pratica con l’uscita a Macugnaga sul ghiacciaio del Belvedere.

Ad Agognate è stata illustrata l’attività glaciospeleologica e lo stato attuale delle conoscenze dell’interno di ghiacciai dell’arco alpino italiano.

L’intento dell’organizzazione è stato quello di riunire varie realtà, in ambito speleologico ed accademico, operanti sul territorio, ponendo particolare rilievo al prezioso contributo che la glaciospeleologia è in grado di apportare alla conoscenza dei ghiacciai.

Dopo aver esaminato le esplorazioni speleologiche nei ghiacciai italiani per aree geografiche sono passati all’esame dei ghiacciai del Monte Rosa “sopra e sotto” per concludere con la speleologia glaciale e la scienza glaciologica: punti di contatto e interazioni.

Numerosi e qualificati i relatori che si sono susseguiti. Fra loro citiamo Claudio Smiraglia (Università degli Studi di Milano) che ha presentato “I ghiacciai italiani: caratteristiche generali ed evoluzione recente”.

Gianni Mortara e Andrea Tamburini (Comitato Glaciologico Italiano) hanno illustrato “I ghiacciai del Monte Rosa e la loro recente evoluzione”. Alberto Cina (Politecnico di Torino) con “Tecniche di rilievo per il monitoraggio dei ghiacciai: il caso del Belvedere”. Gian Domenico Cella (Gruppo Grotte CAI Novara),Ettore Ghielmetti (Gruppo Spel. Biellese) si sono soffermati sulle “Grotte del Ghiacciaio del Belvedere”.

Parallelamente il Gruppo Grotte Novara ha curato una mostra fotografica incentrata sulle cavità glaciali del ghiacciaio del Belvedere con i racconti delle esplorazioni e del loro impatto sulla conoscenza del territorio.

Walter Bettoni
Ricerca in corso...