Vignale (MNS): “con il mio intervento 500.000 euro in più per le piccole stazioni sciistiche”

torino -

L’anno passato la Giunta regionale stanziò per le spese di sicurezza, innevamento programmato e spese generale delle piccole stazioni 500.000 euro in meno che si trasformarono in una riduzione –in alcuni casi anche consistente- per la totalità delle imprese che gestiscono impianti di risalita o anelli di fondo.

Anche quest’anno il Bilancio licenziato dalla I Commissione aveva previsto uno stanziamento di soli 4 milioni di euro, annuncia Gian Luca Vignale, Presidente del Movimento Nazionale in Regione.

“Grazie ad un mio emendamento – dichiara Gian Luca Vignale- lo stanziamento complessivo sarà di 4.500.000 con un aumento di cinquecentomila euro rispetto al 2017”.

“L’aver voluto, continua Vignale, molti anni fa dare all’ “impresa neve” una legge di settore e di sostegno –la legge 2 del 2009 di cui sono stato presentatore e relatore- ha dimostrato di essere un investimento lungimirante per tutto il mondo della montagna di cui le imprese della neve e quelle ad esse collegate sono la vera locomotiva economica”.

“Se il 2018 ha visto il Piemonte essere la seconda regione in Italia per numero di turisti della neve dietro solo al Trentino Alto Adige (che può beneficiare di risorse neppure lontanamente comparabili con quelle della regione Piemonte) significa che aver “scommesso” e investito su aziende montane non delocalizzabili è stata una scelta corretta, conclude Vignale”.

Gian Luca Vignale

 

comunicato stampa
Ricerca in corso...