Da domani scatta l'obbligo delle gomme da neve

DOMODOSSOLA -

Giovedì 15 novembre tornerà in vigore l'obbligo di montare gomme invernali che, come ogni stagione, perdurerà fino al prossimo 15 aprile. A questo periodo si aggiunge un mese di tolleranza prima e dopo, per permettere il cambio senza incorrere in sanzioni (valido però solo per automobili, furgoni fino a 3.5 tonnellate e rimorchi fino a 0.75 tonnellate). Come alternativa alle gomme da neve è possibile tenere a bordo delle catene da neve o i ragni (un sorta di catene esterne)) da applicare alle ruote in caso di bisogno. Le gomme estive, infatti, sono costituite da una mescola più dura che, su ghiaccio e neve, causa minore aderenza all'asfalto e genera un maggior spazio di frenata. Un problema parzialmente risolto dalla mescola speciale degli pneumatici termici, che sono identificabili grazie alla dicitura M+S (mud + snow, ovvero fango e neve). Questo tipo di gomme, infatti, pur essendo conformi alle disposizioni del Ministero dei Trasporti, risultano meno performanti di quelle contrassegnati con il pittogramma del fiocco di neve, che certifica una serie di particolari test in accelerazione e frenata sulla neve effettuati.

 

Le gomme invernali, per legge, sono soggette agli stessi limiti di spessore di quelle estive, ovvero 1.6 mm di battistrada, ma per ottenere le migliori prestazione su neve è necessario uno spessore di almeno 4 mm. La conservazione degli pneumatici, per quanto la loro composizione in silice le renda meno soggette all'usura del tempo rispetto alle tecnologie precedenti, deve avvenire con alcune cautele: i pezzi devono essere conservati in luoghi freschi e asciutti. Per quanto riguarda i prezzi, infine, il costo dell'operazione varia a seconda del servizio effettuato: se si è già in possesso delle gomme, il cambio costa all'incirca dieci euro l'una, compresa l'equilibratura delle ruote. La convergenza, invece, costerebbe all'incirca altri venti euro. 

 
Redazione on line
Ricerca in corso...