Aggressioni negli ospedali, nessuna emergenza nel Vco

Nel 2019 a Torino sono stati 87 gli episodi di violenza verso operatori sanitari e utenti

vco -

Vigilanza armata, dal primo febbraio, nei pronto soccorso dell'Asl Città di Torino. Lo ha deciso il Commissario dell'Asl, Carlo Picco, in seguito "all'incremento preoccupante delle aggressioni nei confronti degli operatori sanitari e degli utenti". I casi sono stati 87 nel 2019, il 30% in più dell'anno prima, già tre soltanto quest'anno. "Oltre alla vigilanza -annuncia Picco- stiamo potenziando i servizi di video-sorveglianza". Così scriveva l’Ansa pochi giorni fa ricordando che “il servizio di vigilanza armata riguarda, in particolare, i pronto soccorso degli ospedali Maria Vittoria, Martini, Oftalmico e San Giovanni Bosco. Il servizio sarà attivo 24 ore, sette giorni su sette’’.

Nei tre presidi ospedalieri del Vco al momento il problema non c’è. “Da noi non c’è una emergenza di questo tipo come in città -spiega Massimo Nobili dell’ufficio stampa dell’Asl- . Certamente c’è stato qualche sporadico evento più di urla e di aggressioni verbali. Non abbiamo riscontro di aggressioni fisiche o di aggressioni a guardia medica’’.

 

Ricerca in corso...