Regione, Cirio:"Da oggi la nuova giunta è operativa sul Piemonte. A breve incontro sulle infrastrutture con FCA e Tonini

"Il lunedì sarà dedicato ai territori, il martedì ci sarà Consiglio regionale, mercoledì e giovedì dedicati ai rapporti con Roma e Bruxelles. Infine il venerdì giunta"

Torino -

“Da oggi è operativa su tutto il territorio piemontese la squadra che insieme a me ha il grande onore di guidare questa regione”. Così il Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha presentato questa mattina la nuova giunta regionale. Ad affiancare l’europarlamentare di Forza Italia nei prossimi cinque anni saranno Fabio Carosso (urbanistica e montagna),Elena Chiorino (lavoro e istruzione),Marco Gabusi (trasporti),Luigi Genesio Icardi (sanità),Matteo Marnati (ambiente e innovazione),Vittoria Poggio (cultura, turismo e commercio),Marco Protopapa (agricoltura e cibo),Fabrizio Ricca (sicurezza),Roberto Rosso (semplificazione),Andrea Tronzano (bilancio e attività produttive),Chiara Caucino (politiche della famiglia e bambini).

“Il lunedì – ha spiegato Cirio – sarà dedicato ai territori, il martedì ci sarà consiglio regionale, mercoledì e giovedì dedicati ai rapporti con Roma e Bruxelles. Infine il venerdì giunta”.

Tra le prime azioni che metterà in campo la nuova giunta c’è un incontro al Ministero dei Trasporti a Roma, con il Ministro Danilo Toninelli. “Stiamo già predisponendo – ha spiegato il Presidente – un dossier sulle infrastrutture della nostra regione, dall’Asti-Cuneo al Terzo Valico, dal Tenda alla Pedemontana: non ci sarà la Tav nel documento perché il dossier è in mano al Premier Conte”.

In settimana, forse giovedì, potrebbe esserci un incontro con i vertici di FCA insieme al sindaco di Torino Chiara Appendino. “Sarà un confronto conoscitivo – ha spiegato – per approfondire il mancato accordo con Renault e sarà l’occasione, come Regione, per rimarcare la nostra attenzione e sostenere chi fa investimenti in Piemonte, perché investimenti significano occupazione”.

Cirio ha poi spiegato di aver tenuto per sé le deleghe sul coordinamento politiche regionali, fondi europei, grandi eventi ed eventi olimpici. “Domani presidierò -ha aggiunto – il Comitato di Sorveglianza della Commissione Europea per capire che margini di recupero abbiamo sui fondi Eu, ad un anno e mezzo dalla rendicontazione”. “Noi non consideriamo la partita delle Olimpiadi chiusa e se verranno in Italia lavoreremo per farle tornare in Piemonte” ha concluso Cirio.

Ricerca in corso...