La Val Grande che emoziona: in tanti a Toceno per la serata di racconti e vagabondaggi fotografici nella wilderness

toceno -

"Non parleremo della Val Grande sotto l'aspetto meramente geografico, storico o a livello escursionistico. Cercheremo invece di accompagnarvi in un viaggio tra racconti e immagini fino al cuore della wilderness, parlandovi della "nostra" Val Grande e delle sensazioni ed emozioni che la sua natura è in grado di regalare a chi si mette in condizioni di "ascoltarla" e di farsi rapire dal suono dei suoi silenzi". Così Marco De Ambrosis ha introdotto ieri la serata organizzata dalla Pro loco di Toceno presso la sala polifunzionale. Chi s'aspettava una conferenza legata alle modalità di scoperta e fruizione della Val Grande, con le classiche spiegazioni di sentieri ed itinerari, è rimasto deluso. Le intenzioni dei due relatori (con De Ambrosis, anche il fotografo Giancarlo Parazzoli) erano infatti altre: incuriosire e coinvolgere i presenti sul fascino naturale della Val Grande: "una valle che o si ama o si odia" hanno detto. La serata si è snodata attraverso la proiezione di immagini insolite della Val Grande: dai boschi ai panorami, dalle vette ai suoi corsi d'acqua, intervallate da alcune letture da parte di Cinzia Barbieri della Pro loco, inerenti le esperienze di De Ambrosis e Parazzoli in Val Grande. Il fotografo mergozzese ha infine proiettato alcuni dei suoi lavori in time lapse, diversi dei quali hanno già ricevuto premi e riconoscimenti. Il folto pubblico e gli apprezzamenti per la piacevole serata sono stati il migliore risultato per l'impegno degli attivi componenti della Pro loco che con questa iniziativa hanno richiamato ieri sera a Toceno oltre un centinaio di persone, tra residenti e villeggianti.

Ricerca in corso...