Ricordi di una Valle, un libro per celebrare la montagna vigezzina e la Val Grande

E' fresco di stampa il nuovo libro di Marco De Ambrosis

VALLE VIGEZZO -

La Valle Vigezzo e la Val Grande protagoniste del nuovo libro di Marco De Ambrosis. “Vigezzo, ricordi di una valle” il titolo della pubblicazione, fresca di stampa (edita da Ultravox). “Un viaggio – si legge nell’introduzione -  attraverso uno spaccato vigezzino testimoniato dalla roccia, i valichi alpini e le vette. Tre temi messi a comune denominatore, nella vita, nei racconti e nei ricordi di protagonisti del presente e del passato di questo “corridoio” montano compreso tra l’Ossola e il Canton Ticino. Un libro introspettivo che dà voce ad avventure in montagna di ragazzi di ieri, che rivivono come esperienze negli uomini di oggi; accende una luce per fotografare vecchi borghi alpini che cambiano e si trasformano, per rimanere però, forse, sempre gli stessi paesi; mette sotto la lente di ingrandimento testimonianze e riflessioni proprie della condizione umana, narrando di una valle, come di un faro nella vita”. Racconti che invitano alla riflessione, guidati attraverso i tre argomenti trattati nelle 160 pagine del libro. La Roccia su cui poggia un ponte che unisce e non divide e vede trasformarsi un piccolo borgo. O anche quella con cui è stato costruito un rifugio o l’ultima bottega di un paese che cambia. O ancora, la roccia che parla con fessure e rugosità su cui salgono leggeri gli alpinisti. Ma anche la roccia su cui si fonda la Fede”.I Valichi“da superare, portandosi dietro lo zaino e il fardello di una vita. Oppure, luoghi dove fermarsi, nel silenzio, a riflettere, magari a pregare, davanti ad una cappelletta. Valichi calcati dal passo dell’escursionista, del pellegrino. E anche dal lupo, che per sua natura, non conosce confini territoriali, ed è tornato ad abitare le nostre montagne. E le Vette,“che uniscono territori, che cambiano una vita, che trasformano le avventure in montagna dei ragazzi di allora in esperienze di uomini di oggi. Vette quale luogo di incontro tra il Divino e l’umano, spartiacque dell’esistenza.

Un libro (che si arricchisce nei contenuti dei contributi di Mario Borgnis, Roberto Paniz e Lorenzo Di Pietro) in cui s’intrecciano i ricordi e il vissuto di personaggi del passato e del presente di questo territorio montano, con i racconti che fanno breccia nei piccoli borghi vigezzini e nella natura selvaggia della Val Grande e che conducono per mano il lettore nella quotidianità del cammino – attraverso esperienze in montagna e nella vita – con spunti di riflessione che oggi, in tempo di pandemia, si manifestano e rinsaldano nell’importanza del loro significato. Perchè, forse davvero, questa difficile crisi sanitaria deve essere un momento per ripensare e riflettere su tanti aspetti della nostra vita.

Ricerca in corso...