/ Politica

Politica | 16 settembre 2021, 14:40

FI chiede la modifica della durata autorizzazione paesaggistica

A breve arriverà in commissione la proposta di legge: “Il documento accoglie le istanze di cave e manifatturiero”

FI chiede la modifica della durata autorizzazione paesaggistica

Sta per essere calendarizzata presso la Commissione competente la Proposta di legge di Forza Italia per modificare la durata dell'autorizzazione paesaggistica che vede come prima firmataria l'onorevole azzurra Mirella Cristina. Il settore lapideo, in occasione dell’evento organizzato da Assograniti VCO per celebrare i 20 anni di fondazione dell’Associazione, ha ribadito la necessità di uno snellimento per le pratiche burocratiche.

Spiega la deputata: “Il documento accoglie le istanze del settore manifatturiero e dei cavatori che evidenziano la necessità di collegare l'efficacia temporale dell'autorizzazione paesaggistica alla durata dei lavori, a condizione che il progetto resti nelle more invariato, con modifica dell'art. 146 del Codice dei beni culturali e del paesaggio. Si darebbe così un aiuto concreto - aggiunge  - ad un settore, quello delle costruzioni, che dopo le difficoltà a causa della pandemia vedrà una ripresa solo parziale in questo 2021”.

La realizzazione e il finanziamento delle opere sia pubbliche che private progettate trova quasi sempre un ostacolo rappresentato dalla durata rigidamente quinquennale dell'autorizzazione paesaggistica, che spesso non è coordinata, dal punto di vista temporale, con tutti gli altri permessi prescritti e con la durata complessiva dei lavori. Le proposte dei cavatori e del manifatturiero ben si inseriscono nello studio di semplificazioni che da mesi impegna Forza Italia per dare nuova vitalità all'economia nazionale.

La richiesta raccolta da Cristina con la Proposta di legge presentata nel settembre scorso era stata lanciata ai parlamentari piemontesi da Assograniti VCO, Confindustria Piemonte, Confartigianato Imprese Piemonte e Unione Cavatori Associazione.


C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore