Anzasca - 30 settembre 2021, 16:00

A Macugnaga la tradizionale battitura della segale

Con i chicci si ricaverà la farina per il pane nero della festa del 2 ottobre

A Macugnaga la tradizionale battitura della segale

La panificazione per la gente Walser di Macugnaga era un momento importante della vita comunitaria, un misto tra la festa popolare e il rito. Il pane veniva cotto una volta all’anno nei forni Ofe* frazionali.

In questi giorni a Macugnaga si procede alla raccolta e alla battitura della segale (Rogge in Titsch).

Gli "uomini del forno" (Ove Mandjini) battono le spighe di segale con il correggiato (Pflegal).

I chicchi verranno poi messi ad asciugare prima di essere sottoposti alla macinazione e ottenere così la farina.

Una parte dei preziosi chicchi sarà utilizzata per la semina che avverrà a breve.
Senza dimenticare, come ricorda Lino Bettoli: "Bruot und Wurst und eswas andersch far den Durst" (Pane e salame e qualche cosa per la sete).

E il pane nero tornerà a cuocere nel forno frazionale del Dorf, sabato 2 ottobre durante la manifestazione internazionale Lo Pan Ner, il pane che unisce le Alpi.

Walter Bettoni

Ti potrebbero interessare anche:

SU