/ Il punto di Beppe Gandolfo

In Breve

martedì 23 novembre
Che Natale sarà?
(h. 08:15)
martedì 02 novembre
martedì 26 ottobre
martedì 19 ottobre
martedì 12 ottobre
martedì 05 ottobre

Il punto di Beppe Gandolfo | 12 ottobre 2021, 08:00

Mascherina? Sì, no, forse, mah, boh...

Quindi? Famo all'italiana? Le regole ci sono, ma poi nel farle rispettare usiamo due pesi e due misure"

Mascherina? Sì, no, forse, mah, boh...

Negli scorsi fine settimana ho visitato alcune importanti fiere regionali dedicate ai magnifici prodotti del nostro Piemonte. In tutte le situazioni ho assistito allo zelante lavoro degli addetti al servizio d’ordine o dei volontari della Protezione Civile, che invitavano tutti ad indossare la mascherina. E a volte ne scaturivano anche accese discussioni. Eravamo tutti all’aria aperta, difficilmente c’erano assembramenti. Eppure, il regolamento recita che per fiere, sagre e manifestazioni all’aperto, permane l’obbligo della mascherina. 

Per curiosità ho chiesto a mio figlio, assiduo frequentatore di stadi per partite di calcio: “ma in curva qualcuno tiene la mascherina?”. Vi risparmio le risate e le prese in giro: “Nessuno ce l’ha, altrimenti come faremmo a tifare?”. Neppure nei settori meno popolari dello stadio.

Quindi? Famo all’italiana? Le regole ci sono, ma poi nel farle rispettare usiamo due pesi e due misure. 

D’altronde non so se, recentemente, avete provato a salire su un mezzo pubblico. Io sì, pieno all’inverosimile, si sta come sardine. Quasi tutti con la mascherina, ma nessuno chiede di mostrare il green pass o altro. Perciò? Anche qui, “famo all’italiana”.

Infine, ho letto che, per i dipendenti pubblici che sono autorizzati allo smart-working, persiste, sempre e comunque, l’obbligo di green pass: chissà se a controllarli sarà il coniuge, i genitori, i figli, il portinaio o i vicini di casa?




Beppe Gandolfo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore