/ Territorio

Territorio | 03 maggio 2022, 11:00

Bannio, tetto nuovo per il santuario della Madonna della Neve

La cerimonia di inaugurazione si svolgerà sabato 7 maggio

Bannio, tetto nuovo per il santuario della Madonna della Neve

La Comunità Parrocchiale di Bannio festeggia la fine dei lavori di restauro della copertura del Santuario della Madonna della Neve.

La cerimonia si svolgerà sabato 7 maggio: inizierà alle 9, con la Messa che raccoglie i devoti al primo sabato di ogni mese, a cui seguirà una breve cerimonia in cui il tetto rinnovato verrà benedetto e verrà presentata la targa commemorativa del lavoro svolto. In tale momento verrà presentato l’intervento svolto.

“Ormai avviato l’anno centenario del Santuario e della Milizia, vediamo concludersi questo importante lavoro di consolidamento della struttura che sta a cuore ai banniesi e ai molti devoti. -spiega la Parrocchia San Bartolomeo in Bannio-. L’oratorio della Madonna della Neve infatti è il punto di riferimento per la Milizia Tradizionale di Bannio, che trova le proprie origini nell’onorare la Madonna di questo santuario, e che festeggia i 400 anni di fondazione” spiega la Parrocchia San Bartolomeo in Bannio.

Che prosegue: “Il rinnovo della copertura della chiesa si presenta dunque come lavoro emblematico di questo importante anniversario, e segna non solo la gratitudine verso le precedenti generazioni, ma soprattutto la volontà di portare nel futuro questa bella eredità.

L’impegnativo lavoro, eseguito dalla ditta di Vanoli Gianluca, e dalla ditta Idrotermica di Hor Enzo, con la progettazione e la supervisione di Ingeoart, Studio Tecnico Bonacci, nel corso dell’ultimo anno e mezzo. L’intervento è stato purtroppo prolungato dall’insorgere della pandemia, ma finalmente si presenta compiuto.

Un ringraziamento va alla Fondazione CRT, che attraverso il bando Cantieri Diffusi ha sostenuto una parte importante dei lavori, a cui ha dato un sostanziale contributo la CEI, attraverso i fondi che l’8x1000 alla Chiesa Cattolica destina a interventi strutturali su edifici religiosi. Anche i tanti banniesi, gli amici e devoti del Santuario, che con l’offerta simbolica di una pioda hanno dato il loro sostegno all’intervento, va il ringraziamento della Parrocchia”.


C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore