/ Confine

Confine | 27 giugno 2022, 08:00

Svizzera, un indennizzo agli allevatori se non tagliano le corna delle mucche

Secondo la maggioranza, la mozione rappresenta un segnale per contrastare la tendenza a plasmare le bestie in modo da poterle sfruttare al meglio nella produzione di carne e latte

Svizzera, un indennizzo agli allevatori se non tagliano le corna delle mucche

I contadini e le contadine che rinunciano al taglio delle corna delle vacche vanno indennizzati. Il Consiglio degli Stati ha approvato martedì una mozione in tal senso.

Il testo, approvato per 23 voti a 19, chiede di agire mediante i pagamenti diretti all'agricoltura. Secondo la maggioranza, la mozione rappresenta un segnale per contrastare la tendenza a plasmare le bestie in modo da poterle sfruttare al meglio nella produzione di carne e latte.

Una minoranza ha tentato di respingere l'atto parlamentare poiché teme che le mucche con le corna verrebbero maggiormente tenute in stalle a stabulazione fissa, il che comprometterebbe il loro benessere. Mantenere le protuberanze potrebbe peraltro provocare un incremento dei ferimenti.

La proposta deve ancora passare al vaglio della Camera bassa e non è quindi ancora certo che un giorno gli allevatori e le allevatrici potranno contare sul sostegno della Confederazione. Tuttavia, la questione del taglio delle corna agli animali da reddito sembra appassionare il Paese. Nel novembre del 2018 questo indennizzo avrebbe potuto addirittura essere inserito nella Costituzione. L'elettorato si era infatti espresso sull'iniziativa popolare denominata "per vacche con le corna". Il testo era però stato respinto dal 54,7% dei votanti.

Redazione Lugano

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore