/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 27 giugno 2022, 08:05

Sette italiani su dieci sceglieranno gli agriturismi per le vacanze

Coldiretti Piemonte: "Si conferma svolta green post pandemia, premiata la voglia di natura ed enogastronomia"

Sette italiani su dieci sceglieranno gli agriturismi per le vacanze

Nell’estate 2022 oltre sette italiani su 10 (72%) andranno in agriturismo, per trascorrere le proprie vacanze o anche semplicemente per mangiare, simbolo di una nuova tendenza verso il turismo green e sostenibile, spinta dalla ricerca di relax nel tempo della guerra e della pandemia. E’ quanto emerge dall’indagine Coldiretti-Noto Sondaggi sulle ferie degli italiani presentata in occasione della XXXIV Assemblea Nazionale di Terranostra, l’associazione agrituristica della Coldiretti, a cui ha Coldiretti Piemonte ha partecipato con la presidente regionale di Terranostra, Stefania Grandinetti, insieme a tutti i presidenti provinciali e alle  segreterie delle varie federazioni del Piemonte. 

 

Voglia di natura ed enogastronomia

In testa alle motivazioni che spingono gli italiani in agriturismo c’è la voglia di contatto con la natura, mentre al secondo posto c’è l’enogastronomia. Al terzo posto tra le motivazioni c’è la voglia di relax, ma c’è anche qualcuno che ha paura del Covid e trova sicurezza nello stare in campagna e chi vuole fare attività sportiva.   

"Premiata la qualità della nostra offerta"

Sicuramente un trend positivo trainato anche dal fenomeno dei cuochi contadini che, appositamente formati dai corsi che Coldiretti organizza, cucinano i prodotti coltivati in azienda recuperando spesso antiche ricette della tradizione campagnola, diventati un vero e proprio valore aggiunto per le strutture – spiega Stefania Grandinetti presidente di Terranostra Piemonte - Alla luce dell’attuale scenario, connotato da una serie di emergenze ambientali, l'impegno di Terranostra è di contribuire a riposizionare l’offerta turistica nell’ottica di una maggiore sostenibilità ambientale e sociale oltre che economica, secondo modelli di sviluppo più equilibrati. Il turismo di qualità è sempre più attento non solo alle bellezze naturali, paesaggistiche, artistiche e archeologiche del nostro territorio ma anche ad un ambiente pulito e salubre e alla riscoperta dei prodotti tipici, della qualità del cibo e del buon mangiare”. 

"Difendere la biodiversità e l'agricoltura"

L’Italia è il solo Paese al mondo che può contare primati nella qualità, nella sostenibilità ambientale e nella sicurezza della propria produzione agroalimentare che peraltro ha contribuito a mantenere nel tempo un territorio con paesaggi di una bellezza unica -  fanno notare Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale - Per questo la difesa della biodiversità non ha solo un valore naturalistico, ma è anche il vero valore aggiunto delle produzioni agricole nazionali e un motore trainante della vacanza Made in Piemonte. Nella nostra regione annoveriamo eccellenze produttive dal riso al vino, dall’ortofrutta ai prodotti lattiero-caseari fino ai salumi e contiamo 14 Dop, 9 Igp, 18 Docg e 42 Doc. Un patrimonio creato grazie al lavoro delle nostre imprese che, nonostante le difficoltà legate prima alla pandemia e ora al conflitto ucraino, garantiscono l’approvvigionamento alimentare della popolazione non facendo mai mancare beni essenziali”.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore