/ Sanità

Sanità | 31 gennaio 2023, 08:00

Test gravidanza non invasivi, votati i primi 10 articoli (su 13) del provvedimento

La proposta di legge prevede di stanziare 320 mila euro per il 2023 e 300 mila per il 2024, per normare i percorsi di accesso allo screening e alla diagnosi prenatale

Test gravidanza non invasivi, votati i primi 10 articoli (su 13) del provvedimento

La Commissione Sanità, presieduta da Alessandro Stecco, ha votato favorevolmente i primi dieci dei tredici articoli della Proposta di legge 223: “Percorsi di accesso allo screening e alla diagnosi prenatale e introduzione del Nipt nell’Agenda di gravidanza”.

Il provvedimento, presentato dalla prima firmataria Sara Zambaia (Lega), mira “ad aumentare il livello di sicurezza della gravidanza innovando l’offerta dei test di screening erogati dalla Regione alla luce dell’evoluzione delle nuove tecnologie mediche e genetiche e a migliorare la qualità della vita delle partorienti attraverso il ricorso a prestazioni più evolute, sicure e precoci”.

Il testo originario è stato emendato in diversi punti dalla stessa prima firmataria, che ha anche accolto due emendamenti della minoranza, proposti da Silvio Magliano (Moderati) e Francesca Frediani (M4o-Up).

In particolare, la Pdl prevede di stanziare 320 mila euro per il 2023 e 300 mila per il 2024, per normare con legge i percorsi di accesso allo screening e alla diagnosi prenatale messi a disposizione dalla Regione e inserire il Non invasive prenatal test (Nipt) all’interno dell’Agenda di gravidanza fornita dai consultori a tutte le gestanti, che contiene l’elenco degli esami cui è possibile sottoporsi. È un esame fondamentale per individuare le principali trisomie presenti all’interno del feto e che non è invasivo, essendo un semplice prelievo di sangue.

Tra i temi degli emendamenti proposti dalla prima firmataria del provvedimento, la necessità di corretta informazione delle gestanti e il loro consenso a intraprendere i programmi prescelti. Attenzione agli strumenti per il controllo di qualità del percorso assistenziale che comprende il Nipt e alla revisione del profilo assistenziale previsto dall’Agenda di gravidanza.

L’emendamento di Magliano è relativo alla possibilità per le Aziende ospedaliere, già prevista dal testo originario, di inserire spazi informativi nei Punti nascita sulle attività divulgative delle associazioni accreditate e specializzate nelle patologie diagnosticate dai test prenatali. Quello di Frediani (M40 – Up) prevede invece l’inserimento nel Tavolo tecnico di due specialisti tecnici di diagnostica analitica biochimica dello screening prenatale delle anomalie cromosomiche e di due biologi.

Prima di essere licenziato per l’Aula, il Disegno di legge deve ora passare al Comitato per la qualità della normazione per valutare l’inserimento della clausola valutativa e alla Commissione Bilancio per l’esame della norma finanziaria.

Per approfondire i temi della Pdl, prima della seduta ordinaria la Commissione aveva svolto – su richiesta di Monica Canalis (Pd) – un’audizione con i rappresentanti della Federazione italiana per il superamento dell’handicap (Fish) Pericle Farris e Giancarlo D’Errico e di Adriano Capitolo della Federazione Associazioni nazionali disabili (Fand).

Gli auditi hanno espresso parere complessivamente positivo sulla proposta di legge, chiedendo di prevedere la partecipazione delle rappresentanze della categoria dei disabili all’interno dei Punti informativi delle Asl per consentire alle associazioni di offrire un supporto alle donne e alle famiglie che vada oltre il sostegno psicologico. Si tratterebbe di un counseling più generale da parte di chi ha vissuto nella realtà situazioni complesse.

Le associazioni hanno inoltre proposto la possibilità di indicare un loro rappresentante medico all’interno del Tavolo tecnico permanente, di carattere scientifico, sullo screening e la diagnosi prenatale, facoltà accolta dalla prima firmataria Zambaia attraverso un emendamento depositato e votato poi favorevolmente nella seduta ordinaria.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore