/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 27 febbraio 2024, 12:00

Incidentalità nel Vco, Aci: i numeri crescono, in un anno 372 sinistri

Nel 2023 469 feriti e 5 deceduti in incidenti d'auto. Il presidente Giuseppe Zagami invita alla prudenza e alla prevenzione

Incidentalità nel Vco, Aci: i numeri crescono, in un anno 372 sinistri

Un urto laterale, sul rettilineo di una strada extraurbana in agosto. Una guida distratta ed ecco che avviene l'incidente. È la casistica tipo di un sinistro nel Vco, così come emerge dagli ultimi dati sull'incidentalità nel territorio provinciale giunti all'Automobile Club del Vco e riferiti anno 2022.

"Come si potrà riscontrare, l'incidentalità nel Vco conta numeri non trascurabili, da considerare tenendo presente che si parla di una popolazione di soli 153.682 abitanti, ma con ben 146.606 veicoli circolanti - commenta il presidente di Ac Vco, Giuseppe Zagami -. Il termine molto positivo è che il territorio e le arterie principali sono ben presidiati dalle forze dell'ordine, la cui presenza costante non solo sanziona i comportamenti scorretti ma funge anche da deterrente. Vorrei insistere sulla necessità di una buona manutenzione dei veicoli, ed ovviamente anche delle strade. Sono convinto che il fattore principale per vedere questi numeri calare col tempo sia l'educazione stradale. Come Automobile Club proseguiremo anche quest'anno con le iniziative rivolte agli studenti di ogni età, delle quali daremo notizia in tempo utile. La cultura della sicurezza deve però appartenere a tutti, a cominciare da quei giovani (ma non sono solo giovani) che nel weekend frequentano locali e luoghi pubblici e magari non disdegnano di bere qualche drink di troppo. Ecco, la pratica consueta nei paesi europei e negli States dell'amico che a turno si "sacrifica" non assumendo alcolici per riportare la compagnia a casa in sicurezza da noi è ancora poco frequentata. Dobbiamo assolutamente invertire la rotta".

Per la prevenzione l'Aci fa i corsi di educazione stradale nelle scuole a qualsiasi livello, ma anche le collaborazioni sempre più attive ed importanti con le forze dell'ordine, come il "Pullman azzurro" della Polizia stradale, che nei mesi scorsi ha fatto tappa anche in val Vigezzo.

"Come ben ha raccontato la tappa di Graffiti dell'anima, giunta a Domodossola nei giorni passati - conclude Zagami - L'importanza della prevenzione degli incidenti è fondamentale per ogni classe d'età, ma soprattutto per i giovani prossimi a patentarsi. Dobbiamo assolutamente far comprendere loro che una minima distrazione può trasformare un veicolo che dona la libertà di movimento in un articolo di morte, come un'arma".

Ecco i dati principali: 372 incidenti, 5 deceduti, 469 feriti. Nel 2021 avevamo avuto 360 incidenti con 4 morti e 447 feriti.

È nelle strade urbane che si verifica il maggior numero di incidenti (204) e di feriti (244) dove ad essere coinvolti sono prevalentemente (93) uomini tra i 30 ed i 54 anni. Nelle strade fuori dell'abitato, o anche su Provinciali, Regionali e Statali si sono avuti gli incidenti più gravi e 5 morti. 98 i sinistri rilevati complessivamente nelle strade extraurbane. 10 gli incidenti in autostrada con 21 feriti e 60 quelli in "altre strade dentro l'abitato".

È agosto il mese con il maggior numero di incidenti (53). Relativamente alla natura dei sinistri, si rilevano 30 scontri frontali, 153 scontri laterali (questi con il maggior numero di feriti, 204), 72 tamponamenti, 40 urti con un veicolo fermo e 33 uscite di strada. Sono stati 38 i pedoni investiti.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore