Economia e lavoro - 14 ottobre 2021, 10:53

Montare una caldaia

Montare una caldaia

Se la tua vecchia caldaia sta tirando gli ultimi colpi potresti aver bisogno di contattare un professionista che sappia montare una caldaia nuova. Di solito ci si rende conto che il proprio dispositivo di riscaldamento deve essere sostituito quando comincia a emanare odore di monossido di carbonio o quando produce fastidiosi rumori anomali come dei ronzii in seguito a vibrazioni che non ho mai manifestato anteriormente. Altri segnali che possono indicare che la caldaia va sostituita sono continui guasti che richiedono frequenti interventi di manutenzione straordinaria. D’altro canto anche la caldaia migliore ha una sua data di scadenza: sapendola gestire con perizia può durare anche una quindicina di anni, dopodiché sarà meglio indirizzarsi verso un prodotto più recente anche per alzare la classe di efficienza energetica e risparmiare sui consumi in bolletta. Dal 2015 si sono cominciati a sostituire le vecchie caldaia a camera stagna con le più moderne caldaie a condensazione. Questo perché garantiscono consumi minori dal momento che vanno a recuperare i fumi della combustione e li trasformano in condensa da mettere nuovamente in circolo come nuova energia. Ad un certo punto non è più conveniente continuare ad utilizzare un dispositivo inquinante, dispendioso, che crea grattacapi e frustrazione senza nemmeno darci in cambio quel comfort necessario a vivere il proprio ambiente domestico in serenità durante la stagione fredda. 

Se hai nuovamente riscontrato delle perdite di acqua e il tuo tecnico di fiducia ti ha mostrato l’ennesima componente interna usurata, getta la spugna perché è ora di procedere all’acquisto di un nuovo prodotto.

Tutti i passaggi necessari che comprendono la rimozione della vecchia caldaia, l’installazione e la prima accensione della nuova caldaia, verranno eseguiti da personale specializzato.

Ciò garantirà che tutto avvenga entro i parametri normativi stabiliti dalla legge. In materia di caldaie bisogna sempre prestare la massima attenzione, perché si tratta di prodotti molto sofisticati al cui interno si raggiungono elevatissime temperature.

Oltretutto, soprattutto nelle zone che raggiungono climi invernali rigidi, le caldaie sono estremamente sollecitate.

Una volta scelta un prodotto idoneo tra quelli proposti sul mercato (e dunque essendosi indirizzati ad una caldaia a condensazione, che sia a basamento o a muro e che abbia tutte le caratteristiche che cercavamo), bisogna individuare il posizionamento più corretto, verificando i raccordi idraulici, i fori per il posizionamento, le corrispondenze con lo scarico dei fumi. Solo un professionista che ha le competenze necessarie può garantire di effettuare l’allacciamento della caldaia in maniera corretta. Ed è molto importante perché andando a collegare l’impianto termico e l’impianto sanitario, oltre che collegando la caldaia all’elettricità e al gas, dovrà dimostrare di funzionare egregiamente. 

Al termine dell’installazione avverrà il collaudo e la prima accensione, che dovrà essere svolta dal tecnico proprio per attivare la garanzia del prodotto.  Si tratta di un momento fondamentale perché se non avviene nei termini di legge è possibile che decada la garanzia e questo può risultare un bel problema per il cliente che richiede la copertura in caso di malfunzionamento. Per essere più sicuri di fare le cose per bene, meglio concordare un sopralluogo con il tecnico specializzato che si occuperà di montare la caldaia.

Ti potrebbero interessare anche:

SU