Ossola - 27 marzo 2023, 12:00

Beura, inaugurata la nuova scuola di fisarmonica: tante le iscrizioni

Ben 43 gli allievi di tutte le età, tra loro anche il parroco di Premosello don Ezio Rametti

Beura, inaugurata la nuova scuola di fisarmonica: tante le iscrizioni

Con il passare degli anni l'Ossola ha perso gli storici maestri di fisarmonica e gli appassionati di questo strumento hanno avvertito il pericolo che il suono di questa musica potesse scomparire dalle nostre valli. Per questo hanno pensato di dare vita ad una scuola ed hanno interpellato un fisarmonicista di fama internazionale, Marco Valenti, che ha accettato di arrivare da Milano a Beura due volte alla settimana per tenere delle lezioni.

La scuola musicale, intitolata a tre grandi maestri di ossolani scomparsi -Franco De Bernardini, Luciano Ferraguti e Roberto De Ambrosis-, è stata inaugurata sabato a Beura. La sede è nell'ex asilo di Beura, l'amministrazione ha concesso gratuitamente la sala, comprese le utenze. Per l'istituzione della scuola il gruppo ha fondato l' associazione “Fisarmonicisti ossolani” di cui è presidente Dario Pozzi. Il sogno del sodalizio è quello , tra qualche anno, di giungere alla costituzione di un'orchestra di fisarmonicisti. All'inaugurazione erano presenti il parroco di Beura don Paolo Cavagna, il sindaco di Beura Davide Carigi, il gruppo folk di Cuzzego, i neo allievi, i famigliari dei musicisti ai quali è stata intitolata la scuola e un folto pubblico che dopo l'inaugurazione ha preso parte a un breve concerto tenuto dal maestro Valenti nella chiesa parrocchiale. La nuova scuola parte con successo con ben 43 allievi di tutte le età, tra loro anche il parroco di Premosello don Ezio Rametti.

“Non ci sono più maestri in zona -ha detto il presidente dell'associazione Dario Pozzi - per continuare la tradizione della fisarmonica. Abbiamo avuto la possibilità di conoscere questo maestro subito disponibile e abbiamo dato vita al progetto. Ci sono altre richieste per iscrizioni. Anche l'associazione conta più di cento associati. Intendiamo avvicinare in particolare i ragazzi a questo strumento, offrendo loro anche la possibilità di noleggiare la fisarmonica e poi in un secondo tempo acquistarla, grazie ad una convenzione tra noi e la ditta Tecnofisa. Il nostro intento e di avere un domani un gruppo disponibile a rallegrare una festa patronale o un qualsiasi altro evento”.

“È uno strumento che va scomparendo tra i giovani e grazie a questa iniziativa dei soci siamo arrivati a 43 allievi -dice il maestro Marco Valenti-, un successo inaspettato sia da parte dei soci che da parte mia. I corsi si terranno due volte la settimana, al mattino inizio a tenere lezioni sia a singoli allievi che a gruppi di cinque o sei persone, a seconda se si tratta di principianti o meno. Presento un programma in cui l'allievo impara a leggere la musica e a usare lo strumento con le due mani. Il primo corso terminerà a giugno e riprenderà a settembre”.

“I fisarmonicisti - spiega il sindaco Davide Carigi - sono importanti nei gruppi folk ed è bello pensare allo sviluppo turistico del paese recuperando con la musica e il folklore quel patrimonio di usi e costumi ereditati dal passato, per questo sono stato subito entusiasta all'idea di una scuola di fisarmonica a Beura; io poi ho un figlio che studia al Conservatorio. Abbiamo concesso volentieri i locali perchè questo è il sintomo che c'è ancora qualcosa di vivo di culturale e folcloristico nel nostro territorio, la musica fa parte della nostra vita. La fisarmonica è uno strumento che richiama la cultura passata -continua Carigi- e che proseguirà grazie a queste persone che si impegnano per portare avanti queste tradizioni che non possono morire”.

“Non ci aspettavamo tutti questi allievi – commenta il vice presidente dell'associazione Paolo Guglielmetti-, sapevamo solo di avere un grande maestro che ha dato la disponibilità a venire in Ossola. Speriamo di avere tra qualche anno un' orchestra di fisarmonicisti ossolani: abbiamo le carte in regola per raggiungere l'obiettivo”.

L'avvio della scuola è stato salutato con favore dal gruppo folkloristico Stciupatel di Beura. Cardezza che in passato aveva lamentato l'assenza di qualcuno che suonasse la fisarmonicista nel gruppo. “ Una ragazzina del nostro gruppo è allieva della scuola e – dice la presidente Tiziana Falcioni - , auspichiamo quindi di avere tra le Stciupatel qualcuno che suoni per riprendere durante le nostre esibizioni anche i canti e i balli”. Nell'applauditissimo concerto il maestro Valenti ha mostrato al pubblico la versatilità della fisarmonica con l'esecuzioni di diversi generi di musica suonando pezzi dal Nabucco di Verdi, alle colonne sonore di Ennio Morricone, alla celebre musica popolare con Pietro Ritorna, per concludere con l'Ave Maria di Schuberth dedicata alla memoria dei fisarmonicisti defunti ai quali è intitolata la scuola.

 

 

Mary Borri

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

SU