Sanità - 25 gennaio 2024, 17:00

Telemedicina in Formazza, per l'Asl Vco: "Grande risultato, siamo i primi in Italia"

La Consult Station permetterà di potenziare l'assistenza di prossimità nelle aree montane, solitamente svantaggiate

Telemedicina in Formazza, per l'Asl Vco: "Grande risultato, siamo i primi in Italia"

L’Asl Vco, per perseguire l’obiettivo di potenziamento dell’assistenza territoriale e per favorire la capillarità dei servizi e la maggiore equità di accesso alle prestazioni mediche, ha avviato una sperimentazione in ambito di telemedicina con l’introduzione di dispositivi che consentano l’effettuazione di visite mediche a distanza.

Dopo l’acquisizione della disponibilità dell’Amministrazione Comunale di Formazza è stata avviata la procedura di appalto per l’acquisizione della cabina di televisita (Consult Station) per un totale di 42.700 euro, da installare in un apposito spazio predisposto all’interno dei locali del Municipio di Formazza, che consentiranno al  medico di assistenza primaria, agli specialisti e ai pediatri di libera scelta, collegati in videoconferenza, di effettuare esami clinici che non richiedano l’esame obiettivo del paziente, avanzare ipotesi diagnostiche, monitorare i parametri clinici dei pazienti e ottenere per via telematica tutta la documentazione inerente alla visita effettuata e ai pazienti di stampare promemoria, ricetta e referti.

La Consult Station è una cabina medicale, registrata come dispositivo classe IIa che raggruppa strumenti di misurazione, sensori, monitor e sistema di comunicazione che consentono, in tempo reale, l’acquisizione e la condivisione tra medico (collegato da remoto) e paziente di dati sanitari affidabili e riproducibili, consentendo altresì di rilasciare referti e prescrizioni in forma digitale.

La cabina è dotata di: bilancia per rilevamento automatico altezza, peso, Bmi, termometro, ossimetro (saturazione e frequenza cardiaca), sfigmomanometro, stetoscopio, otoscopio, dermatoscopio, ECG 12 derivazioni e misurazione della glicemia.

L’attuale situazione dei collegamenti in rete, anche per collegamenti non in fibra, consente la fattibilità tecnica del progetto di dispiegamento della cabina di televisita presso il Municipio di Formazza e può costituire un efficace strumento per potenziare l’assistenza di prossimità soprattutto nelle aree interne, montane e rurali svantaggiate a causa delle caratteristiche orografiche e demografiche del loro territorio.

Sono stati coinvolti il medico di assistenza primaria, la dottoressa Elena Achilli e, al momento, alcuni specialisti in Cardiologia, Otorinolaringoiatria, Dermatologia e Psicologia che potranno effettuare visite di controllo da remoto. L’accesso avviene su prenotazione, su agende dedicate riservate a prestazioni di controllo.

Il Direttore Generale dell’Asl Vco, la dottoressa Chiara Serpieri, esprime soddisfazione per il raggiungimento dell’obiettivo, che in meno di un anno dalla visita di analoga attrezzatura in Francia avvenuta il 3 marzo 2023 consente l’attivazione della cabina di teleconsulto in Formazza, e per questo ringrazia tutti coloro che hanno collaborato e consentito il raggiungimento di questo risultato, che consente di potenziare l’assistenza di prossimità nelle aree montane più disagiate. Ora l’attenzione e l’impegno è di attivare quanto prima la cabina di teleconsulto a Macugnaga.

“Questa è una delle buone pratiche già testate sulle montagne francesi che, in modo innovativo, importiamo per primi in Italia - ha sottolineato il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, presente all’inaugurazione -. Ringrazio l’Asl e i Sindaci per l’impegno messo in campo. È un tassello di quella medicina di territorio che non c’era e ora stiamo ricostruendo, non solo attraverso l’edilizia sanitaria ma anche investendo sul personale con un piano di duemila assunzioni entro il 2024, di cui già 250 operative, a breve poi avvieremo un progetto che punterà anche sull’uso in corsia degli specializzandi. La tecnologia naturalmente è un altro elemento fondamentale per potenziare la medicina territoriale e questa telecabina ne è la prova, insieme ai 13 milioni di euro del Pnrr che stiamo investendo nel Vco per tre Case e un Ospedale di Comunità e una Centrale Operativa Territoriale, a cui si aggiungono i 200 milioni di euro per ammodernare e rendere all’avanguardia i due ospedali di Verbania e Domodossola. Con l’obiettivo di garantire le migliori cure e vicino la propria casa non solo a chi vive in città, ma a qualsiasi cittadino del Piemonte”.

Comunicato Stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

SU