Attualità - 24 maggio 2024, 17:30

Altair Chemical sostiene la scuola dell'infanzia Cicoletti: donati 25mila euro

Roberto Vagheggi, direttore generale: “Siamo orgogliosi di dare certezza di continuità ad un servizio cruciale per la comunità che ci ospita"

Altair Chemical sostiene la scuola dell'infanzia Cicoletti: donati 25mila euro

La scuola dell’infanzia Cicoletti di Pieve Vergonte, di proprietà della Fondazione “Pia Istituzione Cicoletti”, potrà beneficiare del supporto economico di Altair Chemical. La società chimica della divisione cloro-alcali di Esseco Industrial, facente parte di Esseco Group con sede a Trecate (Novara) e Pieve Vergonte, ha infatti effettuato una donazione pari a 25mila euro con cui verranno sostenute le attività scolastiche. La Cicoletti, che attualmente ospita 19 alunni, nel 2002 ha ottenuto il riconoscimento di scuola paritaria dal Ministero dell’Istruzione e l’associazione alla Federazione Italiana Scuole Materne.

“Siamo orgogliosi di dare certezza di continuità ad un servizio cruciale per la comunità di Pieve Vergonte che ci ospita – dichiara Roberto Vagheggi, direttore generale di Esseco Industrial e Ceo della divisione cloro-alcali – La scuola accoglie bambine e bambini dai 3 ai 6 anni, dando una formazione stimolante ai piccoli che ci auguriamo possano continuare a popolare con piacere in futuro questi territori. Al contempo, permettono alle famiglie di poter contare su un aiuto quotidiano importante e determinante. Altair Chemical ed Esseco Industrial – conclude – proseguiranno a sostenere le attività virtuose e necessarie per il benessere della comunità di Pieve Vergonte, a beneficio dei suoi cittadini”.

Da inizio 2024, il sito produttivo di Pieve Vergonte, unendosi con lo stabilimento di Saline di Volterra in Toscana, ha dato vita ad Altair Chemical rafforzando, con un fatturato complessivo di circa 370 milioni di euro, la divisione cloro-alcali di Esseco Industrial, divisione industriale di Esseco Group, gruppo italiano a conduzione familiare che da oltre un secolo fornisce prodotti e servizi nei settori chimico ed enologico. Una realtà produttiva presente in 18 Paesi nel mondo, con circa 1.350 dipendenti e un fatturato di oltre 850 milioni di euro, di cui lo stabilimento ossolano rappresenta un sito produttivo di rilevante importanza, rilevato da un tavolo di crisi ministeriale e rilanciato con investimenti pari a oltre 50 milioni di euro.

Comunicato Stampa - l.b.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

SU