Ambiente - 14 giugno 2022, 19:20

"Al lavoro per consentire le attività nelle Zps, che devono essere aree vissute''

Il presidente Lana assicura la disponibilità della Provincia ad aiutare i Comuni a superare i problema dei vincoli

"Al lavoro per consentire le attività nelle Zps, che devono essere aree vissute''

"Le Zone a protezione speciale non siano un vincolo ma restino aree vissute’’. Così Alessandro Lana, presidente della Provincia, interviene sui problemi sorti in alcune zone dell’Ossola relativamente alla feste campestri o ai raduni organizzati nei paesi. Feste che, ad esempio, a Crevoladossola sono saltate per il timore di sanzioni inattese. Che sarebbero pesate sui bilanci già anemici delle pro loco o delle associazioni. Un problema che tocca diversi comuni vista la presenza vasta di zona speciali dove esistono vincoli.

Mentre il sindaco di Crevoladossola, Giorgio Ferroni, sta predisponendo un regolamento per superare i problemi, la stessa Provincia si sta muovendo per agevolare i comuni.

‘’Abbiamo fatto un incontro informale  con alcuni sindaci – spiega Lana – al quale era presente il nostro esperto,  il tecnico Andrea De Zordi, che ha spiegato ai sindaci cosa si può fare nelle Zps’’.

‘’Comunque – prosegue il presidente Lana – si deve sapere che in queste aree protette si può fare attività, pur tenendo conto certe precauzioni particolari. La Provincia è disposta a dare le autorizzazioni necessarie, ma occorre fare una programmazione annuale per tutte le attività’’.

Renato Balducci

Ti potrebbero interessare anche:

SU