/ Il punto di Beppe Gandolfo

In Breve

martedì 12 ottobre
martedì 05 ottobre
martedì 28 settembre
martedì 21 settembre
martedì 14 settembre
martedì 07 settembre
martedì 24 agosto

Il punto di Beppe Gandolfo | 10 agosto 2021, 09:00

Torino e il Piemonte sono in declino?

Il premier Mario Draghi ha aperto un tavolo di crisi su Torino e sul Piemonte e lo ha affidato al ministro dello Sviluppo Economico, Giorgetti

Torino e il Piemonte sono in declino?

Il premier Mario Draghi ha aperto un tavolo di crisi su Torino e sul Piemonte e lo ha affidato al ministro dello Sviluppo Economico, Giorgetti. Questo è avvenuto dopo l’incontro con la sindaca Appendino e con il presidente Cirio che sono corsi a Roma allarmati dalla decisione di Stellantis di realizzare la Giga-factory per batterie per auto elettriche in Molise e lasciare deserta Mirafiori (ne abbiamo parlato nel Punto di due settimane fa).

Dopo quella decisione si è aperta una discussione piuttosto accesa: da una parte c’è chi parla di declino di Torino e del Piemonte, paragonando questo territorio a una città del Sud e portando a supporto di questa tesi il tasso di disoccupazione dei giovani che sui attesta sul 30 per cento: un piemontese (con meno di 35 anni) su 5 non lavora e non studia. Insomma, non fa nulla.

Altri invece sostengono che l’economia piemontese sta andando bene, è fra le migliori d’Italia seppur in ritardo nei confronti di altre regioni del Nord. In base al Prodotto per abitante la nostra regione è al 18° posto mentre la Campania, per fare il raffronto con il Meridione, è al cinquantesimo.

Dove sta la verità? Ognuno ha la propria opinione. Certo è che l’ubriacatura post-olimpica è davvero finita. Chi pensava che il Piemonte potesse vivere di solo turismo ha dovuto ricredersi. Questa regione – e il Torinese in particolare – è un territorio a forte vocazione industriale. Qui si sanno fare le cose, e si fanno bene. Occorrono però investimenti importanti (pubblici e privati) che da un decennio non sono più arrivati.

E quindi la nostra economia arranca.

Basterà il tavolo di crisi aperto da Draghi? Impossibile dirlo ora, anche se i tempi stringono. Possiamo ancora recuperare il terreno perduto ma bisogna fare in fretta. Il declino – lo dice la parola stessa – è una china in discesa dove, se si comincia a rotolare, diventa sempre più difficile risalire.




Beppe Gandolfo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore