ELEZIONI REGIONALI
 / Digitale

Digitale | 10 aprile 2024, 15:57

Dispenser acqua: bere senza la plastica

Dispenser acqua: bere senza la plastica

I dispenser acqua sono dispositivi -sempre più diffusi nel settore ho.re.ca. ma anche per l’uso in casa e in ufficio- che permettono di micro filtrare l’acqua di rubinetto migliorandone sapore, qualità e sicurezza. In questo articolo scopriremo perché offrono moltissimi vantaggi: approfondiremo le tecnologie disponibili nei modelli più recenti e capiremo perché installarli è un ottimo modo per aiutare l’ambiente sostenendo, al tempo stesso, la nostra salute.

Dispenser acqua in Italia: perché preferirli all’acqua del supermercato?

Nonostante l'Italia goda di una rete idrica ben sviluppata e in discreto stato conservativo il consumo di acqua in bottiglia rimane nel nostro paese sorprendentemente elevato. Il fenomeno può essere attribuito a una serie di fattori ma il più importante è senz’altro la percezione diffusa che l'acqua in bottiglia sia più sicura e di migliore qualità rispetto a quella del rubinetto.

Gli studi e le molte analisi, condotte anche a livello internazionale, hanno invece spesso sconfessato questa tesi, addirittura ribaltandone gli esiti. Gli studiosi della State University di New York si sono per esempio accorti che l’acqua contenuta nel 93% delle bottiglie di plastica prese in esame è risultata contaminata da microplastiche, che vi finiscono dentro durante il processo di imbottigliamento, durante il trasporto -quando non eseguito in modo idoneo, per esempio al riparo dal calore- o nel momento in cui il tappo viene svitato. Si tratta soprattutto di polipropilene, usato nella produzione dei tappi, di nylon e di polietilene tereftalato, meglio conosciuto come PET.

Anche se volessimo ignorare le potenzialità dannose di questa evenienza e continuare a bere acqua imbottigliata nella plastica dovremmo almeno essere consapevoli di un altro fatto: l’acqua in bottiglia è meno controllata di quella che sgorga dal rubinetto. Semplicemente perché è richiesto il rispetto di standard qualitativi più bassi rispetto quelli richiesti all’acqua che deve raggiungere le nostre case.

Come la mettiamo, allora, con il cattivo sapore che ha spesso l’acqua di casa?

Un retrogusto terroso, o dolciastro o “di medicinale” è a volte dovuto all’eccessiva presenza di calcare, altre all’uso del cloro necessario per disinfettare l’acqua del sindaco e renderla davvero sicura. Eliminarne gli effetti più sgraditi è possibile attraverso la filtrazione con i dispenser acqua, che oggi offrono tecnologie capaci di eliminare fino al 99,999% di eventuali batteri, virus e patogeni in genere.

Le tecnologie per il trattamento dell’acqua

I moderni dispenser acqua sono dotati di tecnologie avanzate di filtraggio e trattamento progettate per rimuovere una vasta gamma di contaminanti e impurità presenti nell'acqua di rubinetto. Tra queste tecnologie spiccano i filtri a carboni attivi, con un’importante funzione assorbente, le membrane a osmosi inversa e l’irraggiamento con UV, in grado di rimuovere non solo batteri e virus, ma anche cloro, metalli pesanti, pesticidi e altri contaminanti organici e inorganici.

L’acqua del rubinetto filtrata dai dispenser acqua ha dunque, in entrata, lo stesso livello di qualità e sicurezza dell’acqua dichiarata ufficialmente potabile dalle autorità sanitarie locali ma, all’uscita dal dispositivo, è anche buona come quella che si acquista al supermercato. Un’acqua più leggera, fresca perché erogata sul momento e alla spina, assolutamente libera dalle microplastiche perché non è stata mai confezionata, è un’acqua ideale per il benessere del nostro organismo.

L’acqua dei dispenser acqua va infatti bene da sola, ad accompagnamento del pasto, ma è anche eccellente nelle preparazioni a base di pastella e negli impasti.

Sul mercato sono oggi disponibili dispenser acqua di ultima generazione, con caratteristiche e funzionalità specifiche a seconda dell’uso più o meno professionale che se ne deve fare. Dalle versioni domestiche a quelle commerciali, è possibile trovare dispenser acqua che erogano anche acqua frizzante, acqua refrigerata o calda, perfetta per drink e bevande istantanei, soddisfacendo così le esigenze e le preferenze di un pubblico ampio.

Dispenser acqua e salvaguardia dell’ambiente

La crisi dell'inquinamento causato dalla plastica è una priorità mondiale su cui tutti i governi stanno lavorando attivamente. Nonostante gli sforzi finora compiuti nel 2022 sono stati rilasciati nell'ambiente 21 milioni di tonnellate di plastica. La ricerca di una soluzione non è un compito delegato solo alle decisioni politiche, poiché c'è molto che ognuno può fare.

È fondamentale, nella vita di tutti i giorni e in qualsiasi contesto sociale evitare l'uso di plastica monouso come quella delle bottigliette. I dispenser d'acqua rappresentano appunto una valida alternativa per soddisfare il bisogno di acqua che sia potabile ed ecologica: riducono la produzione di rifiuti plastici e l'inquinamento derivante dalla produzione e dal trasporto di bottiglie d'acqua. L’acqua in bottiglia deve infatti essere distribuita a tutti i punti della filiera, causando un aggravio sulle emissioni.

Inoltre l'accesso costante a un'acqua di alta qualità può aiutare a contenere il consumo di bevande zuccherate e gassate, promuovendo uno stile di vita più sano e sostenibile.


TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore