/ Curiosità

Curiosità | 18 giugno 2024, 09:41

Curiosità: oggi è la Giornata internazionale del picnic

Si festeggia con un cestino colmo, una copertina e immersi nella natura

Curiosità: oggi è la Giornata internazionale del picnic

Vi piacciono i picnic? A noi sì, e la pensano così in molte parti del mondo. Per questo il 18 giugno è stata istituita la Giornata internazionale del picnic.

Per celebrare al meglio questa ricorrenza, basta scegliere un posto immerso nella natura, portare con voi copertina, cestino, roba da bere e da mangiare. Poi, eventualmente, si possono aggiungere a vostra discrezione amici, fidanzati, libri da leggere, musica e giochi per trascorrere il pomeriggio.

Per il cibo da preparare potete scegliere una terrina di verdura, formaggi con miele, tortino al cioccolato, focaccia, grissini e panini fatti in casa. Non dimenticate qualcosa da bere: acqua, vino, ma anche succhi e bibite. Tenete tutto al fresco, all’ombra o in borse frigo.

Una volta terminato il relax, obbligatorio raccogliere i rifiuti e lasciare l’area ben pulita: il rispetto dell’ambiente viene prima di tutto.

Origine del picnic

Sembra che il picnic sia nato nel Seicento in Francia come pasto informale nell’intervallo di battute di caccia o lunghi viaggi a cavallo degli aristocratici. Maria Antonietta li adorava e amava svagarsi, pranzando all’aperto negli ampi prati di Versailles. Ma non era la sola: si narra che l’Imperatrice di tutte le Russie, Caterina la Grande, avesse un cesto così grande che per trasportarlo venivano impiegati otto domestici.

Dopo la Rivoluzione francese, quando i parchi da privati divennero pubblici, il picnic diventò un’occasione di ritrovo e svago popolare, che si diffuse in tutto il mondo. Questo termine già nel 1748 compare nell’Oxford English Dictionary con il significato di merenda e gita. Il gesto di condivisione e fratellanza portò anche alla nascita della Picnic Society, che si riuniva a Londra.

Il picnic divenne talmente popolare, anche tra le classi agiate, che nel 1863 Édouard Manet, lo immortalò nel famoso dipinto Le dejéuner sur l’herbe, dove l’artista rappresenta una compagnia di amici, due coppie per l’esattezza, intenti a passare momenti di convivialità sul prato.

Troppa convivialità per qualcuno, visto che una delle due donne è totalmente nuda ed è in compagnia di uomini. La Parigi bigotta e perbenista gridò subito allo scandalo, ottenendo però l’effetto opposto: venne fatta involontariamente così tanta pubblicità al quadro che si crearono code interminabili per vederlo e Manet divenne il pittore più acclamato della capitale. Le dejéuner sur l’herbe è tuttora esposto al Museo d’Orsay e ammirato da milioni di visitatori ogni anno.

Oggi, grazie al pennello coraggioso di un grande maestro dell’arte, possiamo goderci questa bella giornata all’aria aperta e il meritato relax. Buon picnic!

Silvia Gullino

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore