/ Enogastronomia

Enogastronomia | 21 ottobre 2021, 14:00

Risotto allo zafferano e zucca con porcini trifolati, castagne al miele millefiori e capesante scottate

Grazie alla nuova collaborazione tra l'Istituto Alberghiero Mellerio Rosmini e OssolaNews vi proporremo le ricette realizzate e servite dagli studenti al ristorante didattico 'Inizio'

Risotto allo zafferano e zucca con porcini trifolati, castagne al miele millefiori e capesante scottate

Dopo due anni di stop imposto dalla pandemia, il Ristorante didattico “Inizio” dell'Istituto Alberghiero “Mellerio Rosmini” di Domodossola ha finalmente riaperto alle famiglie e ai docenti della scuola (gli ospiti esterni dovranno pazientare un altro po'). La “palestra” quotidiana degli studenti dal primo al quinto anno è quindi di nuovo a pieno regime, favorendo così lo sviluppo delle basi del lavoro e della crescita personale a contatto con clienti e dinamiche reali.

Grazie a questa nuova collaborazione tra l'Istituto e OssolaNews ogni settimana vi proporremo delle ricette realizzate e servite dagli studenti che potrete preparare a casa, in attesa di poterle gustare comodamente seduti ai tavoli di “Inizio”.

Partiamo con un'ispirazione del Nord Ovest Italia, dove terra e mare si fondono in una proposta orientata alla stagionalità, con il piatto ideato dagli allievi di quinta Elia Maccagno e Andrea Ramoni: 'Risotto allo zafferano e zucca con porcini trifolati, castagne al miele millefiori e capesante scottate'.

Per 10 persone servono: 700 g di riso Carnaroli, 300 g di funghi porcini, 125 g di castagne, 200 g di burro, 1,5 l di brodo vegetale, vino bianco secco q.b., sale e pepe q.b., 1 cucchiaio di miele millefiori, 30 pz di capesante, 1 kg di polpa di zucca, 375 ml di latte, noce moscata q.b., 4 pistilli di zafferano.

Per prima cosa dobbiamo preparare il brodo con sedano, carote e cipolle tagliati in pezzi grossolani, dopodiché sbollentare le castagne e saltarle con un cucchiaio di miele e un mestolo di brodo cercando di mantenerne la forma. A questo punto puliamo i funghi porcini e li saltiamo con poco olio, brodo e vino bianco, per poi metterli da parte. Realizziamo adesso una purea di zucca, cuocendo al forno a vapore la zucca per 40 minuti a 90 gradi, schiacciando la polpa una volta ultimata la cottura e aggiungendo latte, qualche noce di burro, sale e noce moscata fino a ottenere un composto morbido. Iniziamo poi la cottura del riso facendolo tostare, sfumare e portare a cottura con brodo: a metà aggiungiamo lo zafferano. Una volta al dente, a fuoco spento, mantechiamo con il burro e la purea di zucca. Serviamo il tutto caldo con castagne, funghi trifolati e capesante precedentemente pulite e scottate velocemente in un tegame antiaderente.

“La ricetta ha come base quella del libro di ricette ossolane dello chef Giorgio Bartolucci -spiega Elia Maccagno- a cui abbiamo pensato di aggiungere la trifolatura dei funghi e le capesante al termine del piatto. Devo ammettere che uno dei passaggi fondamentali della preparazione è stare attenti a non sovrastare il gusto degli ingredienti, soprattutto con il miele utilizzato nella preparazione delle castagne.”

Info e contatti

inizio@alberghierorosmini.it

www.alberghierorosmini.it

www.facebook.com/alberghierorosmini

www.instagram.com/alberghierorosmini

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore