/ Ambiente

Ambiente | 21 novembre 2021, 15:20

La Scuola Primaria di Craveggia scelta per accogliere i semi del ficus di Giovanni Falcone

Domani mattina i Carabinieri Forestali li metteranno a dimora

La Scuola Primaria di Craveggia scelta per accogliere i semi del ficus di Giovanni Falcone

La Scuola Primaria di Craveggia scelta per accogliere i semi del ficus di Giovanni Falcone. L'albero, emblema dell'impegno contro la mafia, cresce a pochi metri dal palazzo dove abitava Giovanni Falcone, il magistrato simbolo della lotta alla mafia assassinato nel 1992 nella strage di Capaci. Oltre a Falcone, nell'attentato rimasero uccisi anche gli uomini della scorta.

L'iniziativa, dal titolo “Un albero per il futuro”, è promossa dal ministero della Transizione ecologica e dai Carabinieri della Biodiversità e prevede la donazione e la messa a dimora nelle scuole italiane di circa 500 mila piantine nel triennio 2020 – 2022: ad oggi sono quasi 900 gli istituti che hanno aderito e intrapreso questo percorso verso la consapevolezza dell'importanza degli alberi per il contenimento del cambiamenti climatici. L’offerta di specie vegetali autoctone da consegnare agli studenti si è arricchita, dallo scorso aprile, di un albero simbolo dell’impegno della lotta alle mafie: l’Albero del giudice Giovanni Falcone.

Il Centro Nazionale Carabinieri per la biodiversità è riuscito a riprodurre l'albero per generare piccole piante da donare alle scuole che ne faranno richiesta. La presenza dell’Albero di Falcone concorrerà a sensibilizzare i ragazzi al tema dell’impegno sociale ma anche all’importanza della salvaguardia ambientale. Domani, lunedì 22 novembre alle 10, nel giardino della Primaria di Craveggia, i Carabinieri Forestali metteranno a dimora i semi del ficus e li affideranno ai giovani studenti che dovranno prendersene cura per formare, insieme alle altre scuola italiane, il grande bosco diffuso della legalità.

 

 

Francesca Pinto

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore