/ Cronaca

Cronaca | 30 giugno 2024, 20:00

Quasi 500 interventi per il maltempo in Piemonte: 70 persone sono state evacuate VIDEO

Alle 22 il punto della situazione con il capo del Dipartimento nazionale della Protezione civile Fabrizio Curcio

Quasi 500 interventi per il maltempo in Piemonte: 70 persone sono state evacuate VIDEO

I tecnici della Regione Piemonte hanno effettuato nella giornata di oggi una prima parte di sopralluoghi nelle principali aree colpite dalla perturbazione verificatasi tra ieri sera e questa notte, rilevando ingenti danni a strade, infrastrutture, corsi d’acqua e versanti delle montagne.

Alle ore 22 è in programma un videocollegamento congiunto delle Regioni Piemonte e Valle d’Aosta con il capo del Dipartimento nazionale della Protezione civile Fabrizio Curcio per un aggiornamento sulla situazione e l’avvio delle procedure per la richiesta dello stato d’emergenza.

La sala operativa della Protezione civile regionale ha ricevuto una ventina di segnalazioni riguardanti dissesti idrogeologici nelle Valli Orco e Lanzo (Chialamberto, Noasca, Usseglio, Busano, Locana), in Valsesia (Alagna e Campertogno) ed a Macugnaga.

Attivata una ventina di centri comunali (COC), metà dei quali sono ancora aperti. I vigili del fuoco hanno evacuato 40 persone a Macugnaga e 13 ad Alagna, ancora parzialmente isolate 15 persone a Chialamberto e 2 a Locana. Circa un centinaio di volontari di Protezione civile intervenuti con una ventina di mezzi, 170 i volontari AIB che hanno prestato la loro opera con 30 mezzi.  Alle ore 18 sono stati 480 gli interventi effettuati dai vigili del fuoco (suddivisi per provincia Alessandria 47, Asti 22, Biella 17, Cuneo 37, Novara 30, Torino 247, VCO 64, Vercelli 16).

 

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore