/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 26 giugno 2021, 07:00

Prosegue la Stagione Musicale Anzinese con il Maestro Alessandro La Ciacera

"L’organo Mentasti che sarà utilizzato nel concerto è un autentico gioiello"

Prosegue  la Stagione Musicale Anzinese con il  Maestro Alessandro La Ciacera

Oggi si esibirà il Maestro Alessandro La Ciacera, secondo organista del Duomo di Milano.

Il Concerto si terrà, alle ore 21.00 all’interno del santuario di S. Antonio di Padova.

Sarà eseguita la Suite Gothique di Léon Boëllmann (1862-1897) sul prezioso organo Mentasti del 1891 presente in santuario.

L’esecuzione musicale rappresenta un’occasione unica sia per il programma che vedrà l’alternanza della suite con brani d’improvvisazione sia grazie al Maestro La Ciacera che è considerato uno dei migliori improvvisatori della sua generazione.

Da parte sua Matteo Minetti, organista del santuario di Anzino, dice: «L’organo Mentasti che sarà utilizzato nel concerto è un autentico gioiello, uno strumento che all’epoca costò 4.000 lire e fu in gran parte finanziato dall’Istituto Pubblico in sostituzione di un organo settecentesco, di cui conserva la cassa e le canne di facciata».

Anzino riparte in musica e come spiega Mattia Frisa, presidente dell’Istituto Pubblico: «L’iniziativa rientra tra gli scopi fondativi dell’associazione, nata nel 1832 a Roma ad opera di emigranti anzinesi, che opera a favore dello sviluppo sociale, culturale e civile del paese e della comunità.
Un piccolo paese di montagna, abitato da non oltre sessanta persone, che riesce ad organizzare una nutrita stagione di concerti è un segno che va controcorrente rispetto al trend generale, e ne siamo molto orgogliosi. È uno dei segni che mostrano le potenzialità delle piccole comunità e, nel nostro caso, puntano al rilancio del più importante luogo di culto dedicato a S. Antonio di Padova a livello diocesano, il santuario di Anzino
».

Walter Bettoni

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore