/ Politica

Politica | 16 settembre 2021, 10:32

Gabriele Ricci: “Domodossola entri a far parte degli itinerari europei delle Repubbliche Partigiane”

Il candidato del centro sinistra parla anche delle proposte 'sociali' del suo programma elettorale

Gabriele Ricci: “Domodossola entri a far parte degli itinerari europei delle Repubbliche Partigiane”

Una città che vuole guardare al futuro con fiducia non può ignorare le proprie radici. Domodossola ha nel suo DNA una storia di solidarietà ed attenzione sociale che ha raggiunto certamente il suo apice nei 40 giorni di libertà della Repubblica Partigiana ed è nostro dovere onorare quell’importantissima pagina di storia.

Per questo come DomoDomani e Partito Democratico abbiamo costruito un programma che va ad onorare e ricordare quei giorni da una parte e a rilanciarli in termini di sociale dall’altra.

Innanzitutto vogliamo riprendere ad utilizzare, arricchendola, Casa 40, tristemente chiusa dall’insediamento della giunta Pizzi. Vogliamo inoltre puntare sulla creazione di un itinerario culturale in seno al Consiglio d’Europa riguardante le repubbliche partigiane, sulla scia di quello sulla liberazione dell’Europa, per valorizzare e comunicare quella storia a quante più persone possibile, attirando anche un tipo di turismo ad oggi paradossalmente sconosciuto alla nostra città.

Ma la Repubblica Partigiana dell'Ossola ha avuto soprattutto un'indiscutibile valenza sociale. Proprio a memoria di quell'epoca e dei valori da essa tramandati siamo fermamente convinti che quell’esperienza ci ha trasmesso il valore del non lasciare indietro nessuno. Ed è per questo che abbiamo pensato ad un piano che vada ad aiutare le fasce più deboli della popolazione, aprendo la macchina comunale al baratto amministrativo per il pagamento di tasse e sanzioni comunali attraverso prestazioni rese a favore della comunità. Vogliamo inoltre riprendere, rivedendolo, il sistema delle borse lavoro.

La storia partigiana ci insegna anche che i cittadini hanno diritti e doveri: abbiamo pensato di chiedere, viceversa, ai percettori di reddito di cittadinanza di lavorare effettivamente le 8 ore richieste dal patto stipulato con lo stato. Le difficoltà insorte nella stesura dei PUC (progetti utili alla collettività) vanno necessariamente superate perché la dignità la si acquista solo con il lavoro e se è fondamentale che lo Stato e l’Amministrazione rimangano al fianco dei soggetti deboli, è anche giusto che questi si mettano a disposizione della comunità, per il rispetto di tutti.


Non da ultimo vogliamo ricordare come i valori che si respirano nella nostra città, sempre grazie a quella fantastica ed indissolubile esperienza di governo, ci devono aprire nei confronti di chi, come noi in quegli anni, viene da scenari disastrosi di guerra. Mi riferisco in particolare all'ultimo caso degli afgani: è inutile indignarsi davanti alla televisione, se poi non si è pronti ad accogliere chi sta soffrendo per motivi bellici. Mi rincuora però che città vicine come Verbania e addirittura Omegna, nonostante la guida leghista, non abbiano fatto finta di nulla. Domodossola dovrà accodarsi a loro.

Informazione politico elettorale

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore