/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 30 settembre 2021, 10:00

Sono anni che le griglie dello scalo Domo 2 sono in cattivo stato

La struttura ferroviaria ossolana è poco curata, nonostante le passerelle di vari ministri dei trasporti e i blitz di Striscia la Notizia

Sono anni che le griglie dello scalo Domo 2 sono in cattivo stato

Era inevitabile che prima o poi succedesse. Sono almeno 10 anni che le griglie  all’ingresso dello scalo ferroviario di Domo 2 sono precarie o sono divelte. E l'altro ieri un furgone è finito nel canale di deflusso delle acque nel piazzale.

Da anni si segnala il degrado dello scalo, ma a Rete Ferroviaria Italiana  non sembra importare molto. Lo stato delle griglie è precario da troppo tempo. Erano state messe  a posto solo occasionalmente, quando  a Domo 2 arrivò il Gabibbo prima e poi il Mago Casanova di Striscia la Notizia. Blitz nati proprio per denunciare lo stato di abbandono. Poi la situazione è tornata come prima.

Ovviamente il transito di grossi e pesanti camion non può che peggiorare la situazione del piazzale. Di interventi di messa in sicurezza o di risanamento non se ne vedono.

Va detto che spesso lo scalo è stato anche un campo rifiuti.  Di recente avevamo segnalato a Rfi la presenza di molta  plastica: bottigliette abbandonate dai camionisti. Una montagna di rifiuti che poi in parte è stata eliminata, ma la situazione non è granché migliorata. Tra l’altro in un momento in cui in Italia si parla di troppi incidenti sul lavoro viene da chiedersi come mai nessuno – anche chi dovrebbe farlo - intervenga per garantire sicurezza, mettendo della semplici e nuove grate nel piazzale dello scalo.

Intanto aspettiamo l'arrivo del nuovo ministro dei Trasporti (ne sono già venuti quattro a Domo 2, di diverso colore politico).  Hanno fatto poco o nulla per questo snodo ferroviario e  che neppure hanno richiamano Rfi a un maggior decoro delle struttrure.

Renato Balducci

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore