ELEZIONI REGIONALI
 / Cronaca

Cronaca | 09 agosto 2022, 19:00

Sei vacche e un toro uccisi da un fulmine in un alpeggio di Crodo: la disperazione degli allevatori

È successo domenica notte, quando la zona è stata colpita da un temporale violentissimo. Ieri la macabra scoperta. Un grave danno per l'azienda

Sei vacche e un toro uccisi da un fulmine in un alpeggio di Crodo: la disperazione degli allevatori

Sono sette i capi morti, sei vacche e un toro, colpiti da un fulmine domenica notte, in un alpeggio dell'Ossola, nel Comune di Crodo. Gli animali sono dell'azienda Borda Fratelli di Marene, paese del cuneese. A raccontarci l'accaduto, sconsolato, Fabio Borda"Domenica notte in zona c'era un temporale violentissimo. Il nostro operaio ci ha detto che, in vent'anni che sale in alpeggio, non aveva mai visto niente del genere".

La macabra scoperta nella giornata di ieri, dopo che risultavano mancare all'appello alcuni capi. I timori erano forti, perché la zona era stata colpita da centinaia di fulmini. Poi la triste conferma. Gli animali erano a terra, sotto una pianta squartata da cima a fondo. "Un danno, per l'azienda, che supera i 20mila euro. Non bastavano i lupi, che ci creano ogni anno danni per migliaia di euro. Quest'anno ci si è messa la siccità e ora questa fulminazione, che ci ha ammazzato il toro e sei vacche, di cui alcune gravide. È davvero un disastro".

Nelle scorse ore è già intervenuta l'Asl competente, per verificare gli accadimenti. Domani un elicottero caricherà gli animali per portarli verso la strada e da qui in un centro dove le carcasse saranno smaltite. Un ulteriore costo in capo all'azienda, in un anno davvero da dimenticare per gli allevatori.

Redazione Cuneo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore