ELEZIONI REGIONALI
 / Ossola

Ossola | 22 febbraio 2023, 17:20

Premosello, Scuola materna Rossi: “Amareggiati da alcune affermazioni della maggioranza"

I gestori: “Occorre sedersi attorno ad un tavolo e immaginare insieme possibili soluzioni, andando oltre ad un periodo di comprensibili tensioni”

Premosello, Scuola materna Rossi: “Amareggiati da alcune affermazioni della maggioranza"

“Qualche giorno fa abbiamo avuto modo di leggere sulla pagina Facebook del gruppo di maggioranza un documento molto preciso e dettagliato pensato per chiarire qualche punto sullo status della Scuola Materna Rossi e sul ruolo del Comune. Vorremmo a questo punto intervenire per rendere più chiaro il nostro pensiero e le motivazioni della nostra amarezza di fronte ad alcune affermazioni. Speriamo di farlo in modo definitivo, nel rispetto delle famiglie dei bimbi che ci hanno accordato la loro fiducia e del personale in servizio nella nostra struttura.

Conosciamo il contesto normativo in cui si inserisce l'esistenza della Scuola, conosciamo i termini della convenzione stipulata con il Comune e firmata dal Sindaco il 23/12/2021, conosciamo la situazione delle casse comunali: a fronte di tutto questo non abbiamo mai parlato di obblighi legali nei confronti dell'Asilo, ma abbiamo semplicemente reso note le nostre difficoltà ritenendo di doverlo fare in primis con il Comune per via della pubblica utilità (citando il testo della convenzione) del servizio da noi fornito e abbiamo quindi ricercato un dialogo e un confronto, immaginando anche forme di collaborazione non strettamente economica (utilizzo dello scuolabus, per esempio).

La Scuola Materna Rossi svolge da decenni una pubblica funzione essenziale sul nostro territorio, impegnandosi nell'educazione e nell'istruzione dei bambini dai 3 ai 6 anni, cioè in una fase in cui risulta sempre più determinante la presenza di un adeguato contesto affettivo, ludico e cognitivo (come anche evidenziato dalla riforma cd. 'Buona Scuola' del 2015 e dalla conseguente integrazione del segmento 0-3). La Scuola dell'Infanzia non è un di più, un aiuto per il genitore sciagurato che lavora e non ha altro sostegno nella gestione dei figli, non è qualcosa che 'se c'è va bene ma se non c'è pazienza': la Scuola dell'Infanzia rappresenta una tappa fondamentale nel percorso di crescita di tutti i bimbi, come ci hanno ben chiarito anche due anni di pandemia, lockdown, chiusure forzate. È vero che esistono altre strutture nei paesi vicini, e siamo fermamente convinti che ogni famiglia possa scegliere per sé stessa la soluzione migliore, ma siamo anche consapevoli che non per tutti Io spostamento anche solo nel Comune accanto sia una banalità.

Questi sono i principi che ci stanno guidando nella gestione dell'Asilo e che immaginiamo abbiano guidato tutti quelli che prima di noi hanno deciso di impegnarsi in questo mandato a titolo volontario: non si tratta di battere i piedi pretendendo a tutti i costi qualcosa di impossibile, ma di difendere un progetto non personale ma collettivo, chiedendo innanzitutto che venga rispettato e non considerato secondario (non solo a parole). La vita è fatta di scelte e priorità e a volte può risultare più semplice schermarsi dietro regole e norme che predisporre un incontro tra le parti alla ricerca di un accordo. Lo diciamo non per facile polemica ma per stimolare un confronto al quale non vogliamo sottrarci e che non può continuare su social e giornali, per sederci attorno ad un tavolo e immaginare insieme possibili soluzioni, andando oltre ad un periodo di comprensibili tensioni.

Ne approfittiamo a questo punto per ringraziare i privati, i gruppi e le associazioni che ci hanno teso una mano con delle donazioni ma anche e soprattutto mostrando di comprendere il nostro impegno e le nostre intenzioni. Possiamo assicurarvi che continueremo a darci da fare al meglio delle nostre possibilità!”.

Così in una nota affidata ai social i gestori della Scuola Materna Rossi: Alessandro, Chiara, Elena, Gian Mauro.

(Foto social)

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore