/ Attualità

Attualità | 01 aprile 2023, 08:20

Oltre mille infortuni sul lavoro, Chiara Gribaudo (PD): "Sì alla commissione d'inchiesta"

L'onorevole cuneese: "Ci siamo 'assuefatti' ai numeri, ma dietro ci sono persone, vite spezzate, storie di sfruttamento, mancanza di rispetto delle regole e di tutele"

Oltre mille infortuni sul lavoro, Chiara Gribaudo (PD): "Sì alla commissione d'inchiesta"

"È stata approvata alla Camera, in Commissione Lavoro, la proposta di legge, di cui sono prima firmataria, che istituisce una ‘commissione parlamentare d’inchiesta sulle condizioni di lavoro in Italia, sullo sfruttamento, sulla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro pubblici e privati’.

Nel nostro Paese si sono verificati 1090 infortuni mortali nel 2022, in aumento rispetto al 2021. 

Ci siamo “assuefatti” ai numeri, ma dietro ci sono persone, vite spezzate, storie di sfruttamento, mancanza di rispetto delle regole e di tutele. Famiglie, donne e uomini a cui la politica doveva, e deve, dare delle risposte come ha ribadito anche recentemente Papa Francesco.
La dignità del lavoro passa anche tramite la sicurezza. 

La Commissione avrà dei compiti ben precisi: dall’individuazione delle cause e delle responsabilità a quella di mettere in campo misure di prevenzione. Compiti di verifica, di tutela, di indagine ma anche di scrittura di nuovi diritti. 

Questo è un passaggio importante, finalmente non più solo simbolico. Tuteliamo i lavoratori e le lavoratrici, perchè di lavoro si deve vivere ma non si può morire. 

Grazie a tutta la commissione, a partire dal gruppo parlamentare del Pd, per aver portato avanti insieme questa importante battaglia di civiltà".

Lo afferma l'onorevole del PD Chiara Gribaudo.

C.S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore