/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 23 aprile 2022, 10:00

Thriller e ricordi per la seconda giornata de ‘La fabbrica di carta’. FOTO E VIDEO

Venerdì sera l'inaugurazione con lo scrittore Michele Marziani

Thriller e ricordi per la seconda giornata de ‘La fabbrica di carta’. FOTO E VIDEO

Lo scrittore Michele Marziani, presentando il suo nuovo libro “La cura dello stupore, appunti sull’arte di cavarsela e star bene con se stessi” (edito da Ediciclo”) ha dato il via ufficialmente alla 24esima edizione della Fabbrica di Carta.

Dal 22 aprile al 1 maggio, dieci giorni densi di incontri con gli autori e gli editori per quella che è una iniziativa culturale che edizione dopo edizione riscuote un sempre maggiore successo. “Un evento importante non solo per Villadossola ma una vetrina per tutto il Vco” ha spiegato il sindaco di Villadossola, Bruno Toscani. Fondamentale e insostituibile, per l’organizzazione di questi dieci giorni del Salone del Libro, è l’impegno dell’Associazione Libriamoci – Editori e Librai del Vco, che cura ogni dettaglio della manifestazione culturale, resa possibile grazie anche al  supporto della Provincia e con il patrocinio di Regione Piemonte, Consiglio Regionale del Piemonte, Distretto Turistico e Comune di Villadossola e con il contributo dell'Unione Montana Alta Ossola e di Vinavil.  

“Il tema di quest’anno, ‘Pagine di benessere’ è significativo del periodo che stiamo vivendo, occorre rimettere al centro l’uomo, come provincia lavoriamo per politiche inclusive” ha evidenziato Magda Verazzi, consigliera delegata alla Cultura della Provincia del Vco. Sala gremita, ieri sera, per il taglio del nastro della Fabbrica di Carta e la partecipazione di Michele Marziani, in dialogo con Paolo Crosa Lenz. Marziani, che è legato alla Valle Antrona, terra che frequentava con la famiglia da ragazzino, ha spiegato i motivi alla base della sua scelta di andare a vivere in un piccolo paese di appena duecento anime sui monti della Valsesia, in una casa di legno e pietra: un ambiente selvatico e, all’apparenza difficile.

“Ma a volte – ha ricordato – è proprio in uno stato di privazione, di essenzialità, che si fanno nuove e sorprendenti esperienze. E la rivelazione della solitudine diventa valore e occasione per riscoprirsi”. E forse la verità, come narra Marziani, sta proprio in questo: "Ritornare a se stessi, ai desideri semplici, ad una sana condivisione con gli altri, per vivere meglio, più felici, più forti, più veri".

 

Oggi alle 15.15 alla ‘Fabbrica di Carta’, sarà presentato il romanzo giallo ‘Il patto violato’ di Giorgio Comoli.

Il Commissariato di Verbania, guidato da Romano, si arricchisce della presenza di due nuovi poliziotti, grazie anche ai successi ottenuti nelle indagini precedenti. La nuova squadra si ritrova subito ad indagare su un omicidio camuffato da suicidio, senza farsi ingannare dalla apparenze. Al contempo, due criminali riescono misteriosamente ad evadere dal carcere di Pallanza.

Per risolvere le indagini sarà ancora una volta necessaria una profonda conoscenza dei territori del Lago Maggiore e della sua storia.

Alle 16.15 Veronica Spataro presenterà ‘La mia casa rimani tu’.

Gustavo, già protagonista del libro ‘L’aMICIzia in un arcobaleno’, partirà questa volta per un’avventura in solitaria. Il suo spirito d’indipendenza lo condurrà nel suo luogo del cuore, in città, immerso nel buio della notte. Sarà questa l’occasione per incontrare strani personaggi con cui tentare di decifrare un enigma irrisolto. Un mistero risolvibile solo tramite l’aiuto di una nuova “banda” di amici, in cui ognuno dovrà collaborare e partecipare con le proprie capacità. Quelle stesse peculiarità che rendono tutti noi unici.

Alle 18.15 sarà la volta di Dj Tanza, dopo il successo di ‘Le vasche sul corso’ Tiziano Tanzarellla presenterà ‘Locali anni ottanta ed altri ricordi dal cuore’, un viaggio tra i luoghi di ritrovo dei giovani ossolani di quegli anni.

Marco De Ambrosis

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore