/ Eventi e Tempo libero

Eventi e Tempo libero | 15 maggio 2022, 18:00

Dopo due anni si torna a camminare sui 'Sentieri degli Spalloni'

Due giornate di cammini, amicizia e incontro fra le comunità transfrontaliere per ripercorrere in compagnia, nel cuore e con le gambe, la storia e la memoria degli “sfrusit”

Dopo due anni si torna a camminare sui 'Sentieri degli Spalloni'

E’ stata presentata ufficialmente sabato 14 maggio 2022, nella sala gremita dell’Unione Montana Valle Vigezzo a Santa Maria Maggiore (VB), l’edizione 2022 dei Sentieri degli Spalloni. Parole, pensieri, le musiche dei Pentagrami, le donne e gli uomini in costume delle valli ossolane, le bricolle, e l’Accademia dei Runditt di Malesco hanno dato vita ad un incontro emozionante e atteso.

Si torna a camminare su sentieri senza frontiere, Venerdi 1 e sabato 2 luglio 2022, dopo lo stop forzato di due anni a causa del Covid19, si potrà nuovamente percorrere insieme i Sentieri degli Spalloni. Due giornate di cammini, amicizia e incontro fra le comunità transfrontaliere per ripercorrere in compagnia, nel cuore e con le gambe, la storia e la memoria degli “sfrusit”.  Tre i nuovi sentieri proposti: venerdì 1 Luglio, il sentiero della Speranza e il Cammino del Negus e sabato 2 luglio, il Sentiero dei Fr.lli Bevilacqua.

Il Sentiero della Speranza, ci porta da Comologno - Spruga in Svizzera, attraverso i Bagni di Craveggia, l’Alpe Cortaccio, l’Alpe Motta di Toceno, la Bocchetta di Muino,  La Piana,  fino ad Arvogno in Valle Vigezzo: il percorso con un dislivello di 1100 mt in salita e 980 mt in discesa e una difficoltà di livello escursionistico (E) ci fa conoscere il sito dei Bagni, un luogo di ri-unione, pulsante di energie positive, legate ai benefici effetti delle acque termali  e luogo che incarna le fatiche degli spalloni che hanno trasportato ogni sorta di mercanzie con la speranza di poter migliorare le condizioni esistenziali delle proprie famiglie.  Il luogo anche,  dove si è concretizzata la speranza di rifugio e salvezza dalla persecuzione nazifascista per ebrei e partigiani grazie all’accoglienza da parte della Svizzera e degli Onsernonesi, riconoscenti per essere stati sfamati grazie al riso trasportato.

Il cammino del Negus, dedicato a Bartolomeo Pietro Margaroli da Mozzio di Coimo, figura esemplare e mitologica in un contesto di contrabbando di fatica, “faceva viaggiare un sacco di gente”, gestiva quello che oggi verrebbe definito un business del caffè, fece sfamare molti spalloni che si rivolgevano a lui per poter “fare un viaggio”. Il percorso con dislivello di 1580 mt di salita, 1700 mt di discesa e circa 20 km di lunghezza con  difficoltà EE (escursionisti esperti), si sviluppa da Cimalmotto in Svizzera, attraverso il Passo di Porcareccio, l’Alpe Madei, la Bocchetta di Madei sulla cresta di confine tra Svizzera e Italia, prosegue verso l’ Alpe Soglio e, attraverso la Bocchetta di Fontanalba  giunge ad Arvogno in Valle Vigezzo.  Data la difficoltà del percorso, dovuta principalmente alla tempistica, la partecipazione è a numero chiuso e verrà valutata singolarmente da una guida alpina.

Le due comitive di spalloni ed escursionisti si riuniranno ad Arvogno dove, ad attenderli, ci saranno i canti degli Amici della Montagna di Vigezzo ed un allegro apericena presso Rifugio Arvogno da Pio.

Il Sentiero F.lli Bevilacqua, una camminata che ripercorre il tracciato su cui persero la vita due giovani fratelli di Masera all’inizio del 1894. Severino vent’anni e suo fratello Giovanni soltanto quindici, decisero di intraprendere una traversata verso la Svizzera per contrabbandare il minimo indispensabile per festeggiare il santo patrono e alleviare la famiglia in un momento di grande miseria. Il tracciato del sentiero si sviluppa tutto fra la Valle Vigezzo e Masera in Italia, e parte da Arvogno, poi Cortino, l’Alpe Cazzola, il Monte Alom, l’Alpe Pescia, Fornale, fino ad Avonso (Onzo), con un dislivello di mt 1000 in salita – mt 1570 discesa con difficoltà escursionistica (E).

Al termine delle camminate è prevista, ad Onzo di Masera, una cena in compagnia preparata dal Consorzio Alpe Pescia, con musica e canti.

Non mancheranno momenti dedicati alla memoria ed al raccoglimento, rivolti a chi ha vissuto la propria vita e a volte l'ha persa su questi sentieri di fatica senza frontiere.

In caso di maltempo, il programma subirà dei cambiamenti: le escursioni di VENERDÌ 1 LUGLIO verranno annullate e  SABATO 2 LUGLIO avrà luogo  “Bricolle in Valle Vigezzo” una giornata ritrovo con  sfilata per le vie del paese con canti e fisarmoniche,  visite guidate del centro storico di Santa Maria Maggiore,  al Museo dello Spazzacamino, la Casa del Profumo e a seguire una camminata sino a Toceno con un aperitivo con specialità vigezzine e pranzo presso l’area Festa Gran Madre. Nel pomeriggio visite guidate a Toceno e a seguire canti e balli.

Il programma prevede inoltre un altro appuntamento sabato 15 Ottobre 2022 in cui si svolgerà “Vivere sul confine” il secondo incontro transfrontaliero. La giornata prevede un pomeriggio teatrale presso Salone Polifunzionale Toceno. A seguire, cena e musica in compagnia degli Spalloni, presso Rifugio Del Moro ad Arvogno di Toceno.

Un’edizione 2022 quindi all’insegna dell’unione, della condivisione e della pace, proprio nel segno della speranza di un futuro migliore per tutti, nel rispetto dei valori della democrazia, della solidarietà, del rispetto reciproco e dell’ambiente naturale che accoglie e da vita a queste storie e a questi sentieri.

 

Cammini senza frontiere

venerdì 1 luglio

sentiero “del Negus” SP5

Vista la difficoltà del percorso l’accettazione delle iscrizioni sarà di competenza della guida alpina.

Posti limitati.

Itinerario:        
Cimalmotto (CH) – Passo della Cavegna (CH) - Porcaresc (CH) – Alpe Madei (CH) – Bocchetta di Medaro (CH/I) – Alpe Soglio (I) – Passo Fontanalba – Alpe Motti – Alpe Verzasca – Arvogno (I)

Difficoltà:         EE

Dislivello:         mt. 1580 in salita – mt. 1700 discesa (ore 8:30 circa di cammino effettivo + soste)

Ritrovo: ore 5:30 Santa Maria Maggiore Centro del Fondo

Spostamento a Cimalmotto di Campo Vallemaggia con mezzi dell’organizzazione

ore 7:00
Colazione a cura dell’Associazione Val Rovana è

ore 7:30

Bricolle in spalla

ore 12:30/13:00:         
Bocchetta di Madei – Pranzo al sacco personale

ore 14:30/15:00          
Alpe Soglio – Pausa caffè offerto dagli Amici cacciatori dell’Alpe Soglio

ore 18:00       Arvogno

 

sentiero  “della Speranza” SP6

Posti limitati.

Itinerario:        
Comologno – Spruga (CH) – Bagni di Craveggia (I) – Alpe Cortaccio – Alpe Motta di Toceno – Bocchetta di Muino – La Piana – Arvogno

Difficoltà:         E

Dislivello: mt. 1100 in salita – mt. 980 discesa  (ore 6:30 di cammino effettivo + soste)

Ritrovo: ore 6:30 Arvogno di Toceno

             Spostamento a Comologno - Spruga con mezzi dell’organizzazione

ore 8:00 Comologno

 Colazione presso Osteria Palazign a cura dell’Associazione Amici di Comologno

ore 9:00 Bricolle in spalla

ore 10:00        
Bagni di Craveggia “Storie di speranza” racconti a cura di Vasco Gamboni

ore 11:30        
Alpe Cortaccio: aperitivo a cura Amici della Montagna Vigezzo

ore 13:00        
Alpe Motta di Toceno – Pranzo al sacco personale

ore 15:00        
Bocchetta di Muino – Monumento allo Spallone – momento di riflessione

ore 16:00         La Piana

ore 18:00         Arvogno

 

Benvenuti in Valle Vigezzo

ore 18:30         Saluto delle autorità e Aperitivo di benvenuto, presso Bar Ristorante Rifugio Arvogno Da Pio

Il tutto allietato dai canti degli Amici della Montagna di Vigezzo.

A seguire, per chi volesse, in paese:

Festa dei Giovani di Toceno – Gran Madre

Eventuale pernottamento presso struttura convenzionata Albergo Ristorante La Jazza – Santa Maria Maggiore .

(spostamenti a cura dell’organizzazione)

 

sabato 2 luglio

sentiero “f.lli Bevilacqua” SP7

Itinerario:        
Arvogno- Cortino – Alpe Cazzola – Monte Alom – Alpe Pescia- Fornale – Avonso (Onzo)

Difficoltà:         E

Dislivello:         mt. 1000 in salita – mt. 1570 discesa  (ore 7:00 di cammino effettivo + soste)

Ritrovo: ore 7:00 Onzo di Masera

Spostamento con mezzi dell’organizzazione sino ad Arvogno

ore 8:30

Bricolle in spalla

ore 11:30        
Alpe Cazzola Pausa aperitivo a cura degli Amici di Masera

ore 13:00        
Monte Alom – Punto panoramico – pranzo al sacco personale

ore 15:00        
Alpe Pescia – Sosta (possibilità di usufruire del servizio navetta sino ad Onzo)

ore 18:00        
Arrivo previsto ad Avonso (Onzo)

A seguire:        
Saluto delle autorità. Aperitivo di benvenuto e canti in allegria con le fisarmoniche

ore 19:30        
Cena in compagnia a cura del Consorzio Alpe Pescia (solo su prenotazione)

ore 21:30        
Musica al ritmo di rock & blues con la band Low Town

ore 23:00        
Emozioni al Lago di Onzo  - “Rilascio di lanterne galleggianti” (biodegradabili)

A seguire D.J.

 

Ricordiamo la possibilità di rientro in Svizzera tramite Ferrovia Vigezzina-Centovalli  per informazioni: www.vigezzinacentovalli.com

 

Sabato 15 ottobre

“Vivere sul confine” 2° incontro transfrontaliero

Pomeriggio teatrale presso Salone Polifunzionale Toceno.

A seguire Cena e musica in compagnia degli Spalloni, presso Rifugio Del Moro - Arvogno di Toceno

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore