/ Attualità

Attualità | 21 giugno 2022, 18:20

“Ingiusta e irregolare la tassazione del 27% sul Tfr dei frontalieri”

Il coordinatore del Vco Locatelli: “Un decreto ministeriale del 2015 la fissa al 5 %. Pensionati disorientati, chiediamo a Enti e parlamentari locali che si faccia chiarezza”

“Ingiusta e irregolare la tassazione del 27% sul Tfr dei frontalieri”

“Il 27 non vuole diventare il numero odiato dai frontalieri! 27 è infatti la percentuale di tassazione che vorrebbero imporre a pensioni, prepensioni, capitali del secondo pilastro (il TFR italiano per capirci) quando invece da un decreto ministeriale del 2015 la percentuale stabilita per queste voci è ed è sempre stata del 5 %. Avevamo chiesto e ottenuto ad aprile alla Provincia un tavolo tecnico sulla problematica che diventava sempre più preoccupante con l'arrivo ad alcuni frontalieri in pensione delle comunicazioni dall'Agenzia delle entrate che esigevano una verifica sulla situazione fiscale dei capitali e un'imposizione retroattiva al 2016 su pensioni, prepensionamenti, e capitali del secondo pilastro.

Tutto ciò ha creato ovviamente un certo disorientamento in tutti gli uffici competenti in materia e di rimbalzo su tutti i frontalieri direttamente o indirettamente coinvolti. Questo perché tutti coloro a cui è diretta la nuova e non regolare tassazione hanno già denunciato e quindi regolarmente pagato il dovuto fino ad oggi, sia che che i capitali fossero in Italia o in Svizzera. Va ricordato inoltre che questi soggetti fiscali hanno già ricevuto una trattenuta fiscale in Svizzera. Ricordiamo al nostro Bel Paese che oltre ad aver dovuto emigrare per portare a casa la pagnotta passare per evasori o ancora peggio essere 'derubati' di quanto guadagnato con il sudore e onestamente, è aberrante e se pensiamo che molti Comuni ossolani hanno salvato i bilanci con il ristorno delle tasse di questi frontalieri dalla Svizzera è ancora più irritante.

A tutt'oggi nonostante i numerosi appelli a Provincia, Regione, Parlamentari (eletti nel Vco, ma di questo se ne sono dimenticati subito... il solo che ha dato delle risposte concrete è stato l'on. Enrico Borghi, mentre nessun interesse dagli altri). La Provincia ente istituzionale del territorio deve ricordarsi che il Frontalierato è fonte di ricchezza diretta ed indiretta per tutto il VCO per la ricaduta economica che rappresenta, ma evidentemente ad un territorio in difficoltà come il nostro per le istituzioni non serve! Mi auguro che al più presto qualcuno raccolga questo segnale o appello alla giustizia fiscale e ponga fine alle preoccupazioni dei frontalieri”.

Così in un comunicato Antonio Locatelli, del Coordinamento provinciale dei frontalieri del Vco



C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore