/ Sanità

Sanità | 10 agosto 2022, 17:55

“I problemi per la sanità nel Vco sono notevoli: Asl e Regione non sottovalutino la situazione”

Marchionini e Finocchiaro De Lorenzi: “Fuori discussione la stima e riconoscimento per il personale sanitario, ma chi verifica l'attività dei gettonisti? I dati sui tempi di attesa presi dal sito Asl. Massima disponibilità a fare la nostra parte, se coinvolti”

“I problemi per la sanità nel Vco sono notevoli: Asl e Regione non sottovalutino la situazione”

«I problemi per la sanità nel Vco sono notevoli: l'Asl e Regione Piemonte non sottovalutino la situazione». Il sindaco e il presidente del Consiglio Comunale di Verbania intervengono dopo il comunicato dell'Azienda Sanitaria del Vco sulla conferenza stampa del 5 agosto a palazzo Flaim dei 4 primi cittadini Marchionini, Archetti, Quaretta e Ballardini.

«In merito alla risposta che la Direzione Generale ASL VCO ha inviato a mezzo stampa, ribadiamo quanto segue. E' fuori discussione, come già affermato in conferenza stampa, la nostra stima e riconoscimento per tutto il personale sanitario dipendente oberato da turni e da un superlavoro sempre più stressante.

Ma cosa si fa di concreto per evitare l’attuale stillicidio di dimissioni dei medici che colpisce in particolar modo la nostra ASL VCO? I dimissionari vengono convocati per sapere le motivazioni e cosa si tenta di fare per cercare di evitare questa perdita? Per necessità si è obbligati a supplirli con “gettonisti”, ma vi è qualcuno che verifica la loro attività, qualcuno che li guida nella conoscenza dei protocolli vigenti in ASL VCO? Si esegue periodicamente una loro valutazione o si accetta chiunque arrivi anche se le valutazioni precedenti non sono state ottimali?

Di questo passo si va incontro a prestazioni sanitarie non adeguate e da qui, nessun allarmismo da parte nostra, ma una forte preoccupazione per le continue, reiterate e pluri giornaliere segnalazioni che arrivano da parte di cittadini che il Sindaco, nella veste di autorità locale sanitaria, non può ignorare.

Riguardo ai tempi di attesa, i dati che abbiamo elencato nella conferenza stampa, sono tratti dal sito ufficiale ASL (dati 1° semestre 2022), e sono relativi alle prestazioni programmabili nei tre ospedali pubblici della ASL. Si evince che pressoché tutte le più comuni e richieste prestazioni (sia visite specialistiche, sia esami strumentali) hanno avuto un significativo incremento di giorni di attesa da gennaio a giugno 2022, e in alcune appare “codice 804” cioè “non erogate per fatti tecnici o organizzativi”, e tutto ciò nonostante la Regione abbia messo a disposizione fondi aggiuntivi per lo smaltimento delle liste attesa che, invece, nella maggior parte dei casi si sono ampliate!

Abbiamo anche citato il significativo miglioramento delle attese per varie TAC, ma solo per quelle eseguite al S. Biagio, perché al Castelli non sono invece neppure prenotabili: non sarebbe preferibile riaprire anche al Castelli tali prestazioni in osservanza al principio di “prossimità”? 
E che dire della non funzionalità dei posti UTIC e della non erogazione di alcuni interventi chirurgici che storicamente erano eseguiti anche al Castelli prima della pandemia? E possiamo accettare supinamente la mancanza di una sede vaccinale nel Capoluogo di provincia?

Con dispiacere abbiamo dovuto citare i rapporti non ottimali con la Direzione ASL: ma come possiamo ignorare quanto sopra riportato, come ignorare le mancate risposte a nostre legittime richieste di dati (attendiamo da dicembre 2021…), come ignorare che il bilancio previsionale 2022 è stato bocciato dal Collegio Sindacale (Revisori dei Conti) ma presentato ugualmente in conferenza Sindaci ad aprile, non approvato e mai più ripresentato? Come valutare (dati dal sito web ASL) la rarità dei Collegi di Direzione in questi ultimi anni, l’assenza di riunioni del Consiglio dei Sanitari?

Ribadiamo che vi è la massima disponibilità a fare la nostra parte, se coinvolti. Potrebbe esser dirimente avere i dati della “cosiddetta soddisfazione del cliente” tratti a cura della URP dagli “elogi” e dai “reclami” ricevuti? Fino a qualche anno addietro erano di pubblica conoscenza, ma adesso non più.

Accogliamo favorevolmente che la risposta della Direzione ASL sia stata inviata anche al Prefetto; era proprio nostra intenzione, anticipata in conferenza stampa con altri Sindaci del territorio, farlo partecipe della situazione sanitaria al fine di trovarne una soluzione».

Così in una nota inviata agli organi d'informazione il sindaco di Verbania Silvia Marchionini e il Presidente del Consiglio Comunale Giovanni Battista Finocchiaro De Lorenzi.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore