/ Politica

Politica | 22 febbraio 2023, 13:40

“Su problema lupo e azioni di contenimento incontro positivo con il ministro”

Preioni (Lega Salvini Piemonte): “'C'è un aumento di segnalazioni di amministratori locali, associazioni di allevatori e pastori di attacchi ad animali domestici in aree densamente popolate e nei centri abitati”

“Su problema lupo e azioni di contenimento incontro positivo con il ministro”

“La soluzione al problema lupo non è più procrastinabile. Ribadiamo la nostra preoccupazione valutato che sono ormai quotidiani, nel Vco e non soltanto, gli avvistamenti effettuati da residenti ed escursionisti anche in zone collinari e di pianura: si continua a registrare un aumento di segnalazioni di amministratori locali, associazioni di allevatori e pastori di attacchi ad animali domestici in aree densamente popolate e nei centri abitati”. Lo dichiara il presidente del gruppo Lega Salvini Piemonte Alberto Preioni, all’indomani dell’incontro con il ministro all’Ambiente ed Energia Gilberto Pichetto Fratin, svoltosi a Roma per fare il punto della situazione e definire le azioni che si possono mettere in atto per contenere l’aumento delle predazioni e il problema dell’avvicinamento del lupo alle zone abitate.

Nelle regioni alpine, in particolare in Piemonte, Liguria e Val d’Aosta, si stimano secondo gli ultimi dati tra gli 800 e i 1.100 i lupi. “Numeri preoccupanti e in aumento - rimarca Preioni - che richiamano la necessità di un tempestivo intervento. Non è più un fenomeno isolato per il quale sono sufficienti azioni di protezione e dissuasione - aggiunge Preioni - ma un fenomeno che richiede l’approvazione in tempi rapidi di un Piano nazionale, che sia a respiro regionale, e di una strategia condivisa ed efficace per il controllo di lupi e ibridi. Necessario, poi, effettuare una zonizzazione delle aree che non sono idonee alla presenza del lupo”.

Preioni sottolinea come siano “incalcolabili i danni recati agli allevatori del Vco, custodi degli alpeggi, la cui eventuale assenza creerebbe un danno significativo all’economia del territorio, col rischio di perdere le produzioni e la presenza di famiglie che vi abitano e lavorano da decenni”.

All’incontro, promosso da Preioni che nella nota ringrazia il ministro Pichetto Fratin “per il positivo incontro e la disponibilità manifestata”, hanno partecipato in rappresentanza del territorio, degli amministratori e delle categorie interessate, la consigliera provinciale Magda Verazzi, i sindaci di Druogno e Malesco Marco Zanoletti ed Enrico Barbazza, i presidenti di Comitato salvaguardia allevatori Vco, Ente di Gestione delle Aree Protette dell'Ossola e del Consorzio allevatori e agricoltori della Val Vigezzo, Gesine Otten, Vittoria Riboni ed Ettore Besana.

C.S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore