/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 17 maggio 2021, 19:00

"La pandemia ha fatto esplodere disturbi alimentari e di comportamento tra i più giovani" VIDEO

L'appello in un documento firmato da 188 neuropsichiatri infantili di Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta. "Servono risorse e strutture adeguate"

"La pandemia ha fatto esplodere disturbi alimentari e di comportamento tra i più giovani" VIDEO

Un documento, firmato da 188 neuropsichiatri infantili di Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta, per mettere in evidenza l'emergenza che riguarda bambini e ragazzi, iniziata prima della pandemia ed esplosa con l'emergenza sanitaria.

Ogni giorno che passa, tra lockdown, dad e altre restrizioni che hanno letteralmente sconvolto la quotidianità delle persone, sono sempre di più le storie che raccontano squarci di dolore e di difficoltà per le famiglie. Ma ora sono anche gli addetti ai lavori a far sentire la loro voce. "Molti giovanissimi arrivano in ospedale per gravi disturbi alimentari o del comportamento. Servono - dicono i professionisti -, una rete, risorse e strutture adeguate".

"Sempre più giovani, con sempre più problemi"

"Vogliamo portare la consapevolezza sulla crisi emergenziale che stiamo vivendo, una fragilità iniziata prima della pandemia, ma che si sono rapidamente aggravate. Sono aumentate le richieste di visita urgente, ma anche gli accessi ai pronto soccorso e le richieste di ricovero - dice Elisa Colombi, una delle neuropsichiatre firmatarie -. Arrivano a età sempre più precoci: da 16-17 anni siamo scesi a 10-11 anni. Hanno sintomi riferiti a più aree: non mangiano, si tagliano, oppure utilizzano sostanze. C'è bisogno di una rete che comprenda sufficienti e appropriate risorse".

Mancano risorse e posti letto in tutta la regione"

"Purtroppo in questo momento questa filiera è carente è non è in grado di rispondere completamente a questi bisogno - aggiunge Franco Fioretto, un altro dei firmatari -: ci mancano posti letto di neuropsichiatria in Piemonte, ma anche strutture di accoglienza extra ospedaliere e risorse per la presa in carico extra-ambulatoriale sul territorio".


Redazione Torino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore