/ Attualità

Attualità | 30 marzo 2023, 19:20

Un monumento per ricordare l'era industriale villadossolese FOTO

Si tratta di uno sbozzatore recuperato dallo smantellamento dell'ex stabilimento Sisma: sarà inaugurato il primo maggio

Un monumento per ricordare l'era industriale villadossolese   FOTO

‘’Questo manufatto era destinato alla rottamazione ma l’abbiamo recuperato e salvato. Ci auguriamo però trasmetta la memoria su cosa è successo a Villadossola dai primi dell’800, quando la città aveva mille abitanti, sino  agli Anni Ottanta-Novanta quando toccò i 7500 residenti. Una urbanizzazione avvenuta attorno alle fabbriche. Una realtà che i giovani di oggi non vedranno più. Questo monumento servirà a ricordala e a ricordare il lavoro delle nostre genti. Per quello l’abbiamo denominato Villa operosa’’. Felino Sarazzi, storico villadossolese, esponente del gruppo Villarte, spiega così la decisione di installare lungo corso Italia a Villadossola l’enorme sbozzatore (alto 6 metri), salvato dallo smantellamento della ex Sisma, lo stabilimento che arrivò ad occupare oltre 2 mila persone.

Sarà inaugurato il primo maggio nell’area limitrofa a dove una volta sorgeva la vecchia Pietro Maria Ceretti, una delle fabbriche storiche della città.  Paolo Negri, di Villarte,  ha ricordato ‘’il salvataggio di questo simbolo industriale. Un elemento fondamentale del laminatoio 650, recuperato perché resti una testimonianza di quegli anni industriali’’. Lo sbozzatore, recuperato dallo smantellamento della Sisma, è stato donato al Comune da Villarte. Che poi pubblicherà anche tre libri sulla storia industriale villadossolese e della valle Antrona.

Lo sbozzatore è degli Anni Cinquanta. ‘’Fu donato dagli americani grazie al Piano Maschall’’ rimarca Negri.

‘’Lo inaugureremo il primo maggio, assieme all’intitolazione della piazza del Piaggio a Giorgi Squinzi, ex amministratore della Mapei, che ha garantito lavoro in città con la Vinavil’’ dice il sindaco Bruno Toscani.

Il progetto del monumento è di Francesco Sarazzi che lo ha spiegato partendo dai disegni che illustrano il percorso pedonale realizzato tra corso Italia e l’area del Piaggio. Ci verranno due piazzette, due alberi, due panchine e due leggii per spiegare la storia dello sbozzatore dell’industria villadossolese.  Il progetto prevede l’uso di pietra locale e del cemento battuto. Prevista anche due statue: una che raffigura un operaio, l’altro è quella di Vittore Ceretti, fondatore del reparto bulloneria, statua recuperata dall’ex asilo infantile di via Municipio.

Renato Balducci

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore