/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 27 novembre 2022, 10:00

Le fotografie di Vincenzo Ferrari in mostra al fArti Museum

“Occhi che vedono, cuore che guarda. Storia di un uomo che con la fotografia ha tentato di fissare l'eternità nell’istante” sarà visibile dal 3 al 7 dicembre

Le fotografie di Vincenzo Ferrari in mostra al fArti Museum

A partire da sabato 3 sino a mercoledì 7 dicembre, all'Open Art del fArti Museum di Domodossola, in via Canuto 12, si terrà la mostra fotografica: “Occhi che vedono, cuore che guarda. Storia di un uomo che con la fotografia ha tentato di fissare l'eternità nell’istante”. L’inaugurazione, con vernissage, avverrà venerdì 2 dicembre alle ore 18.

“La mostra -spiegano dal Cst gli organizzatori- si divide in due grandi filoni: la natura e le persone. Queste macro aree sono l’espressione della “fotografia” di Vincenzo Ferrari, grande appassionato della ricerca della bellezza e del vero, un amante della cultura. Per lui, catturare l’attimo era il tentativo di fermare quel pezzo di bellezza, per poi portarlo agli occhi di tutti… Sì, perché gli amici, le comunità civile e religiosa erano quell’espressione ultima di condivisione della ricerca del vero. Nonostante una vita non facile, non ha mai messo a tacere quel desiderio di bello e di vero!

Della fotografia amava in particolare quattro elementi: i controluce, i grafismi, il movimento ed il gioco di colori. Le sezioni della mostra sono accompagnate da alcune frasi di fotografi illustri e stimati da Vincenzo. La scelta è stata accurata e voluta, in quanto egli era anche un grande appassionato di letteratura e lettura. Testimonianza di questo suo interesse per la cultura e del bisogno di comunicare è anche il pannello dedicato ad alcuni carteggi che lo stesso ha intrattenuto, per anni, con personaggi noti e meno noti”.

Questo dicono Chiara e Maria Pia: “Noi figlie abbiamo sentito il desiderio di condividere con tutti voi un pezzo importante della vita di nostro padre poiché, proprio quest'anno, ricorrono cento anni dalla sua nascita. Lui ci ha trasmesso il valore della cultura non fine a sé, ma utile ed indispensabile per poter leggere la realtà tutta. La sua fede è per noi, ancora oggi, compagnia fedele ed assidua. La fides latina, cioè dare credito a qualcuno perché ci conduca al vero, è stata la motivazione ultima della sua vita. Noi oggi siamo testimoni di questo e la fotografia è una delle strade che lo ha condotto alla verità ultima. Vi auguriamo di godere di stupore e meraviglia, guardando le sue foto, e che ciascuno di voi possa fare esperienza vera di quella fides che permette alluomo di stare in piedi e continuare a cercare il vero ed il bello”.

La mostra sarà aperta nei seguenti orari: Sabato 3 dalle ore 10,00 alle ore 12,00  e dalle 15,00 alle ore 18,00, Domenica 4  dalle ore 10,00 alle ore12,00  e dalle ore 15,00 alle ore 18,00. L’ingresso è libero con visita guidata.

Nei giorni di martedì 6 e mercoledì 7, per le scuole sarà possibile visitare la mostra su prenotazione telefonando al numero: 340/67 91 894.


C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore