/ Attualità

Attualità | 15 febbraio 2024, 19:22

Elisa Vanni: le prime settimane di lavoro della nuova direttrice delle Rsa di Domodossola e Villadossola VIDEO

La direttrice: "È stato intenso, ma la dottoressa Quagliaroli mi ha preparato il terreno e mi ha lasciato una grande eredità a livello qualitativo"

Elisa Vanni: le prime settimane di lavoro della nuova direttrice delle Rsa di Domodossola e Villadossola VIDEO

Elisa Vanni, 39 anni, laureata in economia, dal primo gennaio è la nuova direttrice delle Case di Riposo di Domodossola e Villadossola e ha assunto contemporaneamente anche la responsabilità dei servizi sociali comunali domesi e dell'asilo nido l'Aquilone.

Ha subito accettato di assumere quest'incarico così impegnativo?

«Sono cresciuta professionalmente con la dottoressa Cecilia Quagliaroli (l’ex direttrice, ndr) che mi ha fatto conoscere questo mondo delle Rsa, dei servizi e mi ha trasmesso la sua passione. Sono stata infatti impiegata negli uffici dei servizi sociali domesi».

Le prime impressioni dopo questo mese?

«È stato un mese intenso, di lavoro ce n'è tanto, abbiamo diversi settori. Però diciamo che la dottoressa Quagliaroli mi ha preparato il terreno e mi ha lasciato una grande eredità a livello qualitativo».

Ci sono differenze tra le due strutture di Domodossola e Villadossola?

«Ci sono differenze dovute alla dimensione delle strutture. La struttura di Villadossola accoglie 35 ospiti, quella di Domodossola ne ha 72; di questi una ventina in continuità assistenziale; quindi, anche la gestione delle attività cambia. Cerco di essere presente in entrambe le strutture».

Quali sono le attività che vengono svolte?

«Abbiamo fisioterapisti sia a Domodossola che a Villadossola, ogni ospite ha un suo piano di assistenza e quindi delle attività predisposte per le sue esigenze. Per quanto riguarda l'animazione abbiamo due educatrici, una a Villadossola e una a Domodossola, le attività sono diverse. Sono educatrici fantasiose, che programmano tante attività e aiutano da una parte a fare attività riabilitative e di mantenimento delle capacità residue dei nostri ospiti, e dall'altro a spezzare la monotonia della giornata. In questo siamo aiutati anche delle associazioni di volontariato, come ad esempio l'Avas Ossola. Le volontarie, oltre a dare una mano nelle attività di animazione, sono di fondamentale importanza per la compagnia. Una volta alla settimana viene celebrata nella struttura la messa, il venerdì mattina a Domodossola e il giovedì a Villadossola. Anche in questo le volontarie Avas aiutano, nelle preparazione della funzione».

Progetti per il futuro per queste due strutture?

 

«Si vorrebbe provare a proporre in collaborazione con la biblioteca Contini. Un gruppo di lettura all'interno delle Rsa c'è, poi il progetto già avviato con il Lions di pet therapy e di musicoterapia che si vorrebbe riprendere». 

Mary Borri

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore