ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 22 marzo 2021, 17:20

La stampa diocesana si scaglia contro i manifesti in difesa della pillola abortiva

Nei giorni scorsi sono stati affissi anche nel Vco dall’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar) con la gigantografia di Alice Merlo e la scritta “Aborto farmacologico: una conquista da difendere”

La stampa diocesana si scaglia contro i manifesti in difesa della pillola abortiva

Dopo i manifesti comparsi in tante città italiane e anche nel Vco dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar) con la gigantografia di Alice Merlo e la scritta “Aborto farmacologico: una conquista da difendere”, sui settimanali diocesani sono stati pubblicati venerdì due articoli a firma di Andrea Gilardoni. Il servizio giornalistico offre uno spunto di riflessione sul tema e rileva la necessità che le comunità realizzino una pastorale familiare. Dagli articoli traspare l'invito ai cristiani a testimoniare la bellezza della vita come dono.

"Quello che mette in gioco il manifesto almeno in prima battuta, non è più il diritto delle donne ad una scelta libera sull’interruzione di gravidanza. In realtà – scrive Gilardoni - il messaggio che lancia la campagna è ancora più preoccupante. Perché la battaglia per i diritti anche se accesa e alimentata dall’individualismo più radicale – ha sempre in qualche misura una dimensione sociale. Ma qui il tema di fondo non è più la difesa di un supposto diritto. È l’efficacia e la sicurezza della pillola Ru486. E le “conquiste” di cui parla sono colorate di un positivismo quasi ridicolo, se non fosse inquietante. Il mifepristone (il principio attivo della pillola) è una “meravigliosa scoperta scientifica”. Dimenticandosi che in realtà è una molecola sintetica sviluppata apposta per svolgere la funzione abortiva".

Gilardoni parla anche della responsabilità della comunità ecclesiale «Se con i Centri di Aiuto alla Vita e le Caritas parrocchiali – scrive - non ha mai smesso di accompagnare le future mamme in difficoltà (insieme al dolore delle donne che hanno abortito), è forse stata latitante sul tema della formazione e della proposta della riflessione».

Un articolo riporta un'intervista a Margherita Lavatelli, condirettrice dell’ufficio per la famiglia della diocesi. Lavatelli si sofferma sulla necessità che le comunità realizzino una pastorale familiare. Anche il parroco e vicario territoriale dell'Ossola don Vincenzo Barone ieri al termine della messa ha invitato i fedeli ad approfondire il tema leggendo gli articoli del settimanale diocesano e a tal proposito ha messo a disposizione dei fedeli alcune copie gratuite del giornale.

Mary Borri

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore