/ Sport

Sport | 27 ottobre 2021, 17:00

Volley: occasione sprecata per lo Studio Immobiliare VCO Domo

L'Alessandria vince in rimonta per 3 a 2

Volley: occasione sprecata per lo Studio Immobiliare VCO Domo

Che occasione sciupata per lo Studio Immobiliare VCO Domo sabato sera contro l’Alessandria Volley . I domesi di De Vito hanno avuto infatti l’occasione per vincere il match nel difficile campo di Alessandria e mettere immediatamente la “freccia” in classifica. Invece, dopo più di due ore di battaglia sportiva, ad avere la meglio sono stati i padroni di casa che hanno vinto in rimonta 3 a 2 (15-10).

Un importante punto guadagnato per il Domo quindi, anche perché al ritorno al Palaraccagni sarà tutta un’altra storia, ma sicuramente una grossa occasione sciupata per fare la voce grossa in campionato e mettere tutte le avversarie alle spalle già alla seconda giornata.

Il match è stato bello ed avvincente, con continui ribaltamenti di fronte: lo Studio Immobiliare VCO Domo parte con la formazione che sette giorni prima aveva iniziato contro il Reba Torino e cioà con Boschi in regia opposto a Pennati, schiacciatori De Grandis e Piroia, centrali Bracchi e Traversi, libero Turci. Fin dai primi scambi si capisce che il match sarebbe stato giocato punto su punto. Domo parte subito avanti, ma a metà set sono i padroni di casa ad essere avanti di due lunghezze. Sul finale però Domo riaggancia la parità e gestisce meglio gli ultimi punti, chiudendo 23 a 25.

Sulle ali dell’entusiasmo i blue partono bene anche nel secondo set. L’Alessandria però è sempre lì ad incalzare i domesi. Questa volta sono i padroni di casa a riagguantare i domesi sul 20 pari. Domo avrebbe la palla del contrattacco per il + 1 (20 a 21), ma spreca e in un attimo si trova sotto di 23 a 20, perdendo poi 25 a 21.

I padroni di casa partono molto bene anche nel terzo set (4 a 1). Domo sembra scomporsi e coach De Vito si affida alla maggiore esperienza di Pedaci, come sul finale di primo set, e, da metà parziale, da spazio anche al figlio Davide. Gli ingressi giovano a Domodossola che domina la seconda parte del set chiudendo 18 a 25 (da una situazione di punteggio di 12 a 10).

Il quarto set sembra tutto in discesa per i domesi che si portano immediatamente sul + 4. L’Alessandria è in difficoltà, in particolare sul cambio-palla, ma dopo un attimo di sofferenza torna riesce a tornare in carreggiata. Positiva per i padroni di casa soprattutto la fase di break (battuta e muro). Domo inizia a faticare molto in ricezione, vuoi per la buona efficacia del fondamentale degli avversari, vuoi per l’utilizzo di un pallone diverso rispetto quello usato nel 90% dei campi piemontesi, che risulta avere traiettorie differenti. Punto dopo punto il divario a favore dei padroni di casa aumenta e l’infortunio alla caviglia per Pedaci non aiuta mentalmente la squadra. Solo sul 24 a 14 un moto d’orgoglio, guidato dal rientro in campo del giovane talento De Grandis, da un sussulto alla squadra che accorcia il divario fino al 25 a 21 finale.

Si va quindi al quinto set. L’Alessandria sfrutta l’inerzia e si porta immediatamente avanti. Domo prova a ridurre le distanze (11-10), ma un contro-break dei padroni di casa rende vano ogni sforzo. La partita si conclude quindi 15 a 10 per Alessandria che si prende 2 punti in classifica, lasciandone uno solo allo Studio Immobiliare VCO Domo.

La chiave del match è stata sicuramente la discontinuità dei domesi che, in tutti i momenti decisivi, soprattutto quando si trovavano avanti con il punteggio e avrebbero potuto chiudere a proprio favore determinate situazioni, hanno commesso un’infinità di errori, in particolare nel fondamentale di attacco. La sensazione comunque sembra essere quella che Domodossola sia superiore all’avversario incontrato domenica.

Ora ci sarà comunque da rimboccarsi le maniche e lavorare sulle mancanze riscontrate sabato.

Domenica 31/10 alle ore 17.30 al Palaraccagni, l’avversario di turno sarà il Sant’Anna Volley Torino.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore