/ Attualità

Attualità | 01 aprile 2023, 18:20

''I forti squilibri di parte corrente causati principalmente dalla gestione della Riss''

Ecco alcuni passi della delibera con cui la Corte dei Conti impone il riequilibrio di bilancio al Comune di Premosello Chiovenda

''I forti squilibri di parte corrente causati principalmente dalla gestione della Riss''

E’ dura e circostanziata la delibera della Corte dei Conti sui passati bilanci del Comune di Premosello Chiovenda. Delibera che impone il riequilibrio dei conti comunali che oggi l’amministrazione Fovanna si trova a dover rispettare.

La sezione della Corte, si legge, accertava relativamente ai rendiconti 2017, 2018, 2019, 2020, ‘’l’inattendibilità della parte disponibile del risultato di amministrazione per gli esercizi dal 2017 al 2019, a causa della sottostima dei Fondo crediti dubbia esigibilità, del mantenimento in bilancio di residui passivi attivi in assenza di idoneo titolo giuridico o di realistiche prospettive di riscossione e, limitatamente agli esercizi 2018-2019 anche a causa della mancata rilevazione dei debiti relativi al pagamento dell’Iva. Ma anche la chiusura dell’esercizio 2020 con disavanzo che risultava essere sottostimato. E in relazione al 2020, un risultato di competenza negativo e il mancato rispetto dell’equilibrio complessivo e di bilancio'.

Ma la Corte parla anche ‘’di scarsa capacità di riscossione in conto residui, delle carenze nella ricognizione ordinaria del residui attivi, della sottostima del fondo crediti di dubbia esigibilità, del reiterato ricorso all’anticipazione di tesoreria con mancata restituzione della medesima dal 2017 al 2019, di violazione dei tempi medi di pagamento, di gravi irregolarità contabili con l’omesso versamento Iva per un importo di 189.609 euro per le annualità 2018, 2019, 2020 e di 25.182 euro per il primo trimestre 2022’’.

La Corte fa pelo e contropelo evidenziando che le cause dello squilibrio arrivano ‘’dalla mancanza di liquidità e dal ricorso sistematico dell’anticipo di tesoreria, dall’incapacità di finanziare la spesa corrente con entrate proprie e ordinarie, con la persistenze esposizione al rischio di disavanzo causata dalla gestione diretta della Residenza Integrata Socio sanitaria  (Riss), dalla consistente massa di passività potenziali che possono trovare copertura con gli ordinari mezzi di bilancio e la necessità di riaccertare in via straordinaria  i residui iscritti a bilancio’’.   Per la Corte poi ‘’non risulta garantito il rispetto del saldo di finanza pubblica nel 2020, riportando il dato negativo di 318.463 euro’’.

‘’I forti squilibri di parte corrente  - si legge – sono stati causati principalmente dalla gestione della Riss che col Covid ha visto una riduzione dei posti letto occupati che si è riflessa nella contrazione delle entrate extratributarie pare 1.091.753 euro’’.

Ma sulla gestione della Riss, la Corte sottolinea come l’attuale amministrazione abbia indicato ‘’le controversie per le quali sono state previste accantonamenti ci sia anche quello con la cooperativa cui era stata affidata la gestione della Riss alla Kcs Caregiver che si impegnava a compartecipare alla spesa per realizzare un reparto Codiv’’. Vicenda finita poi all’attenzione della Procura della Repubblica di Verbania.  Ma negli accantonamenti a fondo contenzioso ci sono  due controversie passate ‘’per il mancato pagamento di fornitura di materiale idraulico per 55 mila euro che sarebbe stata commissionata nel 202 per il nuovo reparto. Pagamento al quale il Comune ha fatto opposizione al decreto ingiuntivo ‘’in quanto si tratterebbe di fornitura eseguita in assenza di contratto ‘’.

Mentre il secondo procedimento civile riguarda una azienda edile che ha ‘’ottenuto l’emissione di decreto ingiuntivo dal tribunale di Verbania nei confronti di Kcs. Quest’ultima si è opposta al decreto e ha ottenuto la chiamata in giudizio del Comune in quanto committente dei lavori. Anche in questo caso il Comune ha eccepito la mancanza di un contratto scritto. Il valore della causa ammonta a circa 30 mila euro’’.

Renato Balducci

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore