/ Attualità

Attualità | 19 febbraio 2024, 19:00

Morti sul lavoro, un presidio di Cgil e Uil davanti all'Esselunga

I sindacati hanno scelto di ritrovarsi di fronte al supermercato di Verbania, luogo simbolico per ricordare la tragedia avvenuta nel cantiere di Firenze

Morti sul lavoro, un presidio di Cgil e Uil davanti all'Esselunga

“I cinque operai morti nel cantiere per la costruzione di un supermercato Esselunga a Firenze hanno nomi, famiglie, storie. Come gli altri che ancora in questi giorni sono “caduti sul lavoro”, più di 40 nei primi 15 giorni di febbraio. Basta parlare di cordoglio, è il momento che il Governo le imprese e le loro associazioni di rappresentanza, si assumano le responsabilità: massimo ribasso, appalti a cascata, mancanza di controlli, precarietà del lavoro sono conseguenze di scelte, non una fatalità!”. Così Cgil e Uil annunciano uno sciopero nazionale degli edili e dei metalmeccanici, in programma per mercoledì 21 febbraio, con mobilitazioni e assemblee anche in altre categorie.

“Si è deciso di fare cassa togliendo le risorse per gli ispettori del lavoro e la medicina per la prevenzione sul territorio; deregolamentare la catena degli appalti, non intervenire sugli appalti privati, fino al punto che non si riesce a capire quali e quante ditte sono in un cantiere e di costringere le persone migranti a lavorare in clandestinità”, si legge nella nota dei sindacati. “È stata ignorata la Piattaforma di Cgil, Cisl e Uil e si continua ad agire senza il confronto con chi è nei posti di lavoro. Con la patente a punti oggi probabilmente quelle aziende non avrebbero potuto avere l’appalto Esselunga; con una congruità anche su tempi e modi di esecuzione ci sarebbe un limite allo sfruttamento del lavoro; con l’obbligo alla timbratura si saprebbe chi e quanto tempo lavora in un cantiere”.

“Vogliamo tutte le agibilità necessarie per gli Rls, Rlst, delegati di sito alla sicurezza – spiegano Cgil e Uil - Vogliamo il ripristino della parità di trattamento negli appalti e la responsabilità dell’impresa committente. Vogliamo l’applicazione dei Ccnl del settore di riferimento, sottoscritti dalle Organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative, vogliamo la formazione obbligatoria prima di accedere nel luogo di lavoro. Questi sono i cambiamenti necessari, altrimenti i richiami alla cultura della sicurezza sono frasi vuote. Vogliamo luoghi di lavoro sicuri senza il ricatto della perdita del lavoro e dei bassi salari. A partire dai cantieri. Vogliamo l’apertura di un confronto vero il Governo su questi punti e su tutta la Piattaforma unitaria”.

Cgil e Uil annunciano dunque lo sciopero nazionale per il 21 febbraio e invitano a costruire visibilità delle iniziative con presidi diffusi sul territorio. Per quanto riguarda il Vco, dalle 16.00 alle 18.00 è in programma un presidio proprio di fronte all’Esselunga di Verbania, per ricordare quanto accaduto a Firenze. A Novara, invece, un presidio in piazza Matteotti, sempre dalle 16.00 alle 18.00.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore