/ Attualità

Attualità | 08 dicembre 2023, 19:00

A Domodossola un nuovo murale dedicato a Giulia Cecchettin

Nel sottopasso della ferrovia che porta al cimitero è comparsa un'immagine della ragazza, con la scritta “La violenza prima è mentale e poi fisica”

A Domodossola un nuovo murale dedicato a Giulia Cecchettin

In città, sopra un murale preesistente nel sottopasso della ferrovia che porta al cimitero, è apparsa da qualche giorno una grande stampa di un ritratto di Giulia Cecchettin, la ragazza ventiduenne uccisa dall'ex fidanzato Filippo Turetta.

Giulia è raffigurata sorridente con il berretto blu in testa, con riportato in rosso il numero nazionale antiviolenza e stalking 1522. Accanto al ritratto, la scritta “La violenza prima è mentale e poi fisica”.  A lato del poster, alcuni fogli con scritte a mano alcune frasi tratte dal libro “Io non ci sto più” di Roberta Bruzzone,  criminologa e psicologa forense, con i segnali classici per riconoscere i manipolatori affettivi e le trappole che usano in modo da difendersi e ritrovare serenità e libertà. 

Mary Borri

WhatsApp Segui il canale di OssolaNews.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore